Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’ultimo Matisse

· In mostra alla Tate Modern di Londra i collage realizzati tra il 1936 e il 1954 ·

«Il cavallo, il cavaliere e il clown» (1943-1944)

Negli ultimi anni della sua vita Henri Matisse, che - ormai malato e sulla sedia a rotelle - non riusciva più a dipingere, fece di necessità virtù mettendosi a ritagliare fogli di carta colorata, trasformando quindi un impedimento in una nuova stagione creativa. Costretto ad abbandonare il pennello, Matisse disegnava e dipingeva con le forbici, tracciando le linee e ricavando le forme senza idee preconcette. In questo modo l’artista concludeva quel processo di affinamento e semplificazione pittorica che era durato per tutta la sua vita, elaborando una nuova tecnica artistica, un linguaggio visivo quasi infantile, una più semplice e originalissima modalità di rappresentazione. A questa ultima fase della pittura di Matisse è dedicata l'importante mostra «Henri Matisse: The Cut-Outs», allestita alla Tate Modern di Londra fino al prossimo 7 settembre, prima di essere trasferita al Museum of Modern Art di New York dal 14 ottobre al 9 febbraio. Alessnadro Scafi ce la racconta.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE