Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Luce che disperde
le tenebre

· La ricorrenza ebraica di Chanukkà cade quest’anno in coincidenza con le festività natalizie ·

Quest’anno la festività ebraica di Chanukkà cade in coincidenza del Natale, due feste di luce che portano gioia e felicità all’inizio dell’inverno. Tale piacevole coincidenza ricorre alla fine di un anno molto importante e speciale poiché si sono celebrati i 25 anni dell’allacciamento delle relazioni tra Israele e Santa Sede con un concerto di musica sacra ebraica al Tempio Maggiore di Roma e con l’emissione congiunta di un francobollo che raffigura la chiesa di San Pietro e la sinagoga, entrambe a Cafarnao, come simbolo della speciale relazione tra ebraismo e cristianesimo.

Chanukkà ricorda la vittoria dei maccabei sui dominatori greci-siriani avvenuta nel II secolo a.C. e le celebrazioni di purificazione e riconsacrazione del Tempio a Gerusalemme da loro profanato dopo il rifiuto degli ebrei di accogliere nei loro riti e preghiere le divinità pagane. Non tutti gli ebrei dell’epoca rifiutavano ogni aspetto della cultura greca, ma volevano difendere anche la propria specificità culturale che, in qualche modo, coincideva con la religione rigorosamente monoteista. Antioco IV, il sovrano dell’epoca, non accettava questo desiderio di libertà da parte di un popolo non molto numeroso e, quindi, davanti al netto rifiuto di accogliere l’idolatria greca, scelse un atteggiamento violento e persecutorio per colpire il cuore della fede ebraica e così distruggerla.

Gli ebrei del tempo, quindi, decisero di combattere per la libertà e per la fede monoteista e, contro ogni aspettativa, i pochi vinsero contro i molti e il Tempio, che era stato profanato, venne liberato. Per restituire il luogo sacro ai fedeli era necessario riconsacrarlo con l’accensione del Candelabro che non doveva mai essere spento: l’unico olio rimasto poteva ardere per un solo giorno, e per prepararne dell’altro occorrevano otto giorni. Nonostante il rischio che la fiamma si spegnesse, si decise di non aspettare e di riconsacrare immediatamente il Tempio ed è qui che si compì il miracolo: l’olio bruciò per tutto il tempo che occorse per preparare quello nuovo.

È proprio in ricordo di questi avvenimenti che nasce questa festività che dura otto giorni e che in ebraico significa proprio “riconsacrazione” o “inaugurazione”. Le famiglie ebree di tutto il mondo nelle loro case durante i giorni della festa accendono le candele una in più ogni giorno utilizzando un candelabro speciale a nove bracci chiamato hanukkiah. La prima sera, si accendono lo shamash, la candela che viene utilizzata per accendere tutti gli altri lumi, e la prima candela, accompagnando il rito con una benedizione. La seconda sera, si accendono lo shamash e due candele e così via fino a quando, l’ultima notte, tutto il candelabro risplenderà di una luce che non deve essere utilizzata per illuminare un luogo; sono lumi sacri di ringraziamento, infatti durante l’accensione così si recita: «Noi accendiamo questi lumi in ricordo dei miracoli e della liberazione e delle prodezze e delle salvezze e dei prodigi e delle consolazioni che facesti ai nostri padri in quei giorni in quest’epoca per mezzo dei tuoi santi sacerdoti. Tutti gli otto giorni di hanukkà questi lumi sono sacri e non possiamo servirci di loro, ma solo guardarli, per rendere omaggio al Tuo Nome per i Tuoi miracoli e i Tuoi prodigi e le Tue salvezze».

È tradizione accendere i lumi vicino alla finestra perché possano essere visti, per gioirne e per ricordare non solo la sacralità della vita ma anche l’importanza degli ideali per cui si vive. Il trionfo dei maccabei sui greci-siriani è un evento storico fondamentale perché ha assicurato la sopravvivenza del monoteismo ebraico e, di conseguenza, di tutti i monoteismi. Senza questa vittoria il mondo sarebbe stato molto diverso.

San Giovanni Paolo II — durante l’incontro con la comunità ebraica nella sinagoga di Roma il 13 aprile 1986 — ha definito con precisione il legame profondo e l’affinità tra le nostre due fedi dicendo che: «La religione ebraica non ci è “estrinseca”, ma in un certo qual modo, è “intrinseca” alla nostra religione». È particolarmente simbolico che i Libri dei Maccabei, che non sono una parte integrante della Bibbia ebraica, facciano parte della Bibbia cattolica e ortodossa e descrivano eventi che sono festeggiati dagli ebrei di tutto il mondo. Papa Francesco in più occasioni ha ricordato le radici ebraiche del cristianesimo e ha chiaramente detto — nel discorso alla delegazione di rabbini “Mountain Jews” del Caucaso nel novembre 2018 — che «un cristiano non può essere antisemita. Le nostre radici sono comuni. Sarebbe una contraddizione della fede e della vita». Recentemente, all’udienza generale dello scorso 13 novembre, parlando dell’antisemitismo ha ricordato che «questo non è né umano né cristiano. Gli ebrei sono fratelli nostri! E non vanno perseguitati. Capito?». Sono parole importanti perché sfortunatamente stiamo vivendo un periodo storico in cui il fenomeno dell’antisemitismo è in costante crescita in tutto il mondo a un livello mai più registrato dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Nell’attuale periodo storico, quindi, Chanukkà assume un significato ancora più forte e importante e ci auguriamo, in questo periodo di festa, che le sue luci e quelle del Natale possano aiutare a disperdere le tenebre e a guidarci verso un futuro di conoscenza reciproca, di relazioni, di pace e amicizia tra ebrei e cattolici e tra tutti gli appartenenti alla comunità umana.

di Oren David
Ambasciatore d’Israele presso la Santa Sede

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE