Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La guerra
infierisce sui bambini nel mondo

· ​Il segretario generale dell’Onu si dice inorridito per gli 8000 minori uccisi o mutilati nel 2016 ·

  Ottomila bambini sono stati uccisi o mutilati nel 2016. È quanto emerge dal rapporto annuale sui minori nei conflitti armati presentato ieri dall’Onu. Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, si è detto «inorridito» da quanto accade nel mondo. Solo in Yemen — si legge nel rapporto — sono stati 683 i bambini colpiti l’anno scorso, negli attacchi della coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita.

 Tre bimbi siriani fuggono  dopo un’esplosione  a Douma, est di Damasco (Afp)

Il resoconto di questi «attacchi inaccettabili, nonché il reclutamento e l’uso dei bambini, gli attacchi alle scuole e agli ospedali e le violenze sessuali» deve con forza «richiamare tutte le parti alla responsabilità di proteggere i bambini, nel rispetto degli obblighi sanciti dal diritto umanitario» ha detto il segretario generale, sottolineando poi che tutti sono chiamati a collaborare con le Nazioni Unite per migliorare la protezione dei minori.

A causa di conflitti e povertà oggi l’11,5 per cento dei bambini in età scolare — pari a 123 milioni — non frequenta la scuola e questo li espone in maniera drammatica a situazioni di sfruttamento se non proprio reclutamento. Le guerre continuano a minacciare e a invertire i progressi fatti. I conflitti in Iraq e Siria si sono tradotti in altri 3,4 milioni di bambini che non seguono percorsi scolastici, portando il numero dei minori fuori dalle scuole in Medio oriente e in Nord Africa a circa 16 milioni.

Inoltre, determinate evenienze demografiche e geoeconomiche concorreranno ad alimentare nel prossimo futuro le tensioni internazionali, con l’acuirsi di vecchi conflitti o lo scoppiare di nuovi: a cominciare dalle «guerre per l’acqua». Da oggi a una ventina d’anni, considerato il continuo boom demografico, il numero delle persone che vivono in aree scarse d’acqua si triplicherà, passando dall’attuale miliardo a più di tre. E a farne le spese per primi saranno i minori. L’Onu sottolinea che in alcuni casi sono già cominciate situazioni di conflittualità che non vengono adeguatamente prese in considerazione. Ad esempio, nell’Africa subsahariana la situazione è da tempo particolarmente allarmante: nella cintura del Sahel seguitano a ripetersi gli scontri fra agricoltori e allevatori per l’accaparramento delle poche risorse idriche locali, scontri che finiscono per danneggiarne o contaminarne una parte.

La carenza di risorse idriche e le conseguenti malattie veicolate da acqua non potabile su scala mondiale si stanno aggravando di anno in anno e a farne le spese sono prima di tutto i bambini. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE