Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Loro non ci picchiavano

· I gesuiti in Australia all’inizio del Novecento ·

Furono pochissime le voci che, alla fine dell’Ottocento, si levarono in Australia per criticare il silenzio dei padri costituenti sugli abitanti originari del Paese.

Lo scrive Stefano Girola sottolineando che il dramma degli aborigeni, allora considerati in via di estinzione, venne ignorato nei dibattiti che precedettero l’entrata in vigore della Federazione Australiana e della sua Costituzione nel 1901. Allora l’obiettivo politico predominante era quello della White Australia, dominata dai coloni di origine europea e chiusa all’immigrazione asiatica.

Fra coloro che cercarono invano di scuotere le coscienze vi era il fondatore della missione di Nuova Norcia, ossia il vescovo benedettino Rosendo Salvado (1814-1900), di cui si celebra quest’anno il bicentenario dalla nascita. Un’altra voce critica fu quella del gesuita Donald MacKillop, fratello dell’unica santa australiana, Mary of the Cross MacKillop (1842-1909). Le parole che il gesuita affidò a una lettera al quotidiano «Sydney Morning Herald» il 22 dicembre 1892, rilette alla luce della revisione storiografica verificatasi negli ultimi decenni, assumono un carattere profetico: «Questa nostra terra sta marciando verso la grandezza, e molto spesso ci vantiamo che questa grandezza sarà ottenuta senza versare nemmeno una goccia di sangue. Temo che lo storico del futuro racconterà una storia un po’ diversa».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 settembre 2018

NOTIZIE CORRELATE