Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Onu definisce le strategie contro l’ebola

· Gli Stati Uniti aumentano gli aiuti ai Paesi africani colpiti dall’epidemia ·

Una riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu è stata convocata per questo giovedì per discutere dell’epidemia di ebola in Africa occidentale. 

Lo ha riferito l’ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Samantha Power, precisando che il Consiglio intende definire una risposta internazionale coordinata all’espandersi del virus e chiedere agli Stati membri di offrire assistenza. Alla riunione parteciperanno il Segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, e la responsabile dell’Organizzazione mondiale della sanità, Margaret Chan, e hanno chiesto di intervenire gli ambasciatori all’Onu dei Paesi africani colpiti dal virus. In base all’ultimo aggiornamento fatto dall’Oms il 12 settembre, l’epidemia di ebola ha colpito 4,784 persone, provocando 2,400 morti. A livello internazionale, particolarmente impegnati a sostenere la lotta contro l’ebola sono gli Stati Uniti, che hanno già stanziato cento milioni di dollari e si apprestano ora a inviare in Africa occidentale, in particolare in Liberia, il Paese al momento più colpito dall'epidemia, anche tremila soldati, nell'ambito di un piano di intervento che il presidente Barack Obama annuncerà oggi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE