Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Onu coordina il flusso dei venezuelani in fuga

· Oltre due milioni di persone hanno lasciato il paese a causa delle crisi economica e politica ·

Le Nazioni Unite avvieranno un meccanismo per coordinare «nel miglior modo» la crisi che si è creata a seguito della fuga di migliaia di venezuelani verso i paesi confinanti dell’America latina. A riferirlo è stato il ministro degli esteri della Colombia, Carlos Holmes Trujillo, dopo un incontro a New York con il segretario generale dell’Onu António Guterres. 

Venezuelani che attendono di entrare in Perú ricevono aiuti da alcuni volontari (Afp)

Il coordinamento dovrebbe coinvolgere le agenzie delle Nazioni unite per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim). All’origine dell’impegno ci sarebbe una richiesta di collaborazione rivolta dai paesi dell’America meridionale dove continuano ad arrivare i migranti venezuelani.
Secondo la Colombia, gli arrivi nel giro di due anni sono circa un milione. La situazione è tesa anche in Brasile, dove il governo ha annunciato l’intenzione di trasferire entro la fine del mese un migliaio di migranti venezuelani dalle zone della frontiera settentrionale verso alcune città nella regione meridionale.
In base ai dati dell’Oim, il Brasile è in realtà solo una tappa di passaggio per la maggior parte dei migranti: attualmente si sono fermati nel paese solo il 2 per cento dei 2,3 milioni di venezuelani espatriati dopo il 2015.
Tra il 25 gennaio e l’8 marzo 2018, una delegazione dell’Oim ha condotto 3516 interviste ai migranti nelle città brasiliane di Pacaraima e Boa Vista, dove si concentra la maggioranza dei cittadini venezuelani entrati nel paese. Tra coloro che intendono lasciare il Brasile, il 58 per cento ha dichiarato di voler raggiungere l’Argentina, mentre la maggior parte di quelli che intendono rimanere nel paese sono in viaggio verso altre città. In un rapporto dello scorso luglio, l’Oim sottolinea che in Perú sono entrate 354.000 persone. Il Cile ne ospita 105.700, e l’Argentina 95.000.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE