Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Onu condanna le violenze
nella Repubblica Centrafricana

· Sanzioni individuali e un embargo sulle armi ·

 Il Consiglio di sicurezza dell’ Onu ha approvato ieri all’unanimità una risoluzione in cui condanna le violenze in atto nella Repubblica Centrafricana. 

Una donna con la sua bambina durante gli scontri a Bangui

È stato inoltre esteso per un anno l’embargo sulle armi al paese e le sanzioni per individui ed entità. Nel testo della risoluzione si condannano anche gli atti di incitamento alla violenza che minano la pace, in particolare «su base etnica o religiosa», affermando per la prima volta che «i responsabili potrebbero incorrere in misure restrittive». I Quindici hanno ribadito che le sanzioni possono essere imposte per una serie di motivi, anche per chi mina la pace o la sicurezza, viola i diritti umani internazionali, commette atti che coinvolgono la violenza sessuale o di genere e sostiene le reti criminali. La Repubblica Centrafricana, uno dei paesi più poveri del mondo, sta cercando di uscire con difficoltà da una lunga e complessa crisi politica e militare scoppiata nel 2013, dopo il colpo di stato della ribellione Seleka. A contrapporsi sono soprattutto due gruppi: la milizia Seleka, che difende la minoranza musulmana, e gli anti-balaka. Gli scontri — alimentati anche dalla debolezza del governo centrale — hanno causato centinaia di vittime, tra le quali ci sono anche numerosi operatori umanitari. Circa il 70-80 per cento delle aree rurali sono abbandonate dallo Stato e sono occupate dai ribelli.

Oggi, secondo l’Onu, almeno 100.000 persone hanno urgentemente bisogno di aiuti umanitari, dopo settimane di scontri armati fra milizie contrapposte. Il portavoce del palazzo di Vetro Stephane Dujarric, almeno 60.000 persone sono fuggite dai loro villaggi di provenienza e si sono rifugiate al confine con il Ciad. Altre 40.000 sono invece rimaste dove vivevano e rischiano costantemente la vita a causa dei combattimenti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE