Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Onu chiede un’inchiesta sulla morte di Albán

· ​L’opposizione accusa il governo di Caracas ·

Parenti e amici ai funerali di Albán a Caracas (Epa)

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti umani ha chiesto ieri al governo di Caracas di aprire un’indagine sulla morte del consigliere municipale e dirigente del partito di opposizione Primero Justicia (Pj) Fernando Albán, avvenuta lunedì dopo essere caduto da una finestra dell’edificio dell’agenzia di intelligence venezuelana (Sebin). Richieste dello stesso tenore sono giunte dagli Stati Uniti, che hanno auspicato un’indagine indipendente, e dall’Unione europea, che ha sottolineato il dovere di Caracas di «garantire l’incolumità fisica delle persone detenute».

Albán era stato arrestato sabato scorso e accusato di coinvolgimento nel fallito attentato con droni del 4 agosto contro il presidente Nicolás Maduro. L’esponente dell’opposizione venezuelana era legato politicamente al parlamentare Julio Borges, in esilio in Colombia, che Maduro ha accusato di aver pianificato l’attacco. Al momento rimane incertezza sull’esatta dinamica dei fatti. Le autorità parlano di suicidio, l’opposizione di «assassinio di regime». Secondo la procura venezuelana Albán si sarebbe tolto la vita gettandosi da una finestra. A dare la notizia è stato il procuratore generale del Venezuela, Tarek William Saab, dichiarando che l’oppositore «si è suicidato» mentre era detenuto nella sede dei servizi di intelligence venezuelani. Il procuratore Saab ha riferito che, in base a informazioni preliminari ricevute dal Sebin, «Albán ha chiesto di andare in bagno e da lì ha aperto la finestra e si è lanciato nel vuoto dal decimo piano».

La notizia della morte di Albán ha scatenato proteste di piazza a Caracas. L’ex candidato presidenziale d’opposizione e membro del Pj, Enrique Capriles, ha affermato che «quelli che fra noi conoscevano Fernando sanno che non avrebbe mai potuto togliersi la vita». «Profondi dubbi» sul «presunto suicidio» sono stati espressi anche dai vescovi del Venezuela.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE