Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’offerta della vita
nelle cause dei santi

· ​Lettera apostolica sotto forma di motuproprio ·

«L’offerta della vita è una nuova fattispecie dell’iter di beatificazione e canonizzazione» distinta da quelle già note «sul martirio e sull’eroicità delle virtù»: lo ha stabilito Papa Francesco oggi, 11 luglio, con la lettera apostolica in forma di motuproprio Maiorem hac dilectionem.

Denise Warsalla, «Il sangue dei martiri»

Il documento pontificio, entrato in vigore il giorno stesso della promulgazione, definisce «degni di speciale considerazione ed onore quei cristiani che, seguendo più da vicino le orme e gli insegnamenti del Signore Gesù, hanno offerto volontariamente e liberamente la vita per gli altri» perseverando «fino alla morte in questo proposito». Del resto, prosegue il motuproprio, «l’eroica offerta della vita, suggerita e sostenuta dalla carità, esprime una vera, piena ed esemplare imitazione di Cristo e, pertanto, è meritevole di quella ammirazione che la comunità dei fedeli è solita riservare a coloro che volontariamente hanno accettato il martirio di sangue o hanno esercitato in grado eroico le virtù cristiane». Perciò «con il parere favorevole espresso dalla Congregazione delle Cause dei Santi, nella sessione plenaria del 27 settembre 2016», il Pontefice ha stabilito i criteri da seguire nell’iter processuale, modificando alcuni articoli della costituzione apostolica Divinus perfectionis Magister e delle Normae servandae in inquisitionibus ab Episcopi facendis in Causis Sanctorum , risalenti al 1983.

In questo modo — spiega l’arcivescovo segretario del dicastero Marcello Bartolucci — il Papa ha aperto una «quarta via», perché le precedenti non apparivano «sufficienti per interpretare tutti i casi possibili di santità canonizzabile», rendendo «meritevoli di beatificazione quei servi di Dio che, ispirati dall’esempio di Cristo, abbiano liberamente e volutamente offerto e immolato la propria vita per i fratelli in un supremo atto di carità».

Il documento

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 febbraio 2019

NOTIZIE CORRELATE