Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Uno sguardo di fede sul mondo

· Nel quinto centenario della Riforma la festa degli evangelici tedeschi ·

  La nomina del sessantottenne giornalista tedesco Hans Leyendecker, esperto di teologia e di politica internazionale, quale presiedente del prossimo Kirchentag, che si terrà nel giugno 2019 a Dortmund, è stata uno dei passaggi conclusivi del tradizionale congresso-assemblea della comunità riformata tedesca, divenuto quest’anno il punto centrale delle grandi celebrazioni per il cinquecentenario della Riforma. Cinque giorni di festa suddivisi tra Berlino e Wittenberg. Proprio nella cittadina di Lutero, sabato 27 e domenica 28 maggio, sono stati celebrati i momenti assembleari liturgici e di festa, con la presenza di oltre centomila fedeli provenienti da tutto il mondo.
«Tu mi vedi» è stato il tema generale, tratto da un testo biblico (Genesi, 16, 13) in cui lo sguardo è inteso come espressione primaria della relazionalità. «Questo versetto — hanno spiegato gli organizzatori — accoglie in sé la consapevolezza che Dio ci guarda e ha cura di noi, e l’invito a volgere lo sguardo a chi ci sta accanto». Dopo l’inaugurazione nelle più importanti piazze di Berlino, l’attenzione si è concentrata sull’incontro-confronto tra la cancelliera Angela Merkel e l’ex presidente statunitense Barack Obama, presso la Porta di Brandeburgo, in cui è stato rilanciato l’appello ad aiutare i rifugiati e a investire nei loro paesi di origine. Il Kirchentag si è indirizzato quindi su importanti questioni trattate in diversi momenti assembleari. Tra questi una tavola rotonda sul rispetto religioso tra musulmani, evangelici e cattolici e una pubblica assemblea alla quale hanno partecipato Ahmad al-Tayyeb, dell’università di Al Azhar al Cairo, e il ministro degli interni del governo federale tedesco, Thomas de Maizière, che hanno analizzato il problema del rapporto tra fondamentalismo islamico e fede cristiana e musulmana. Tra gli altri momenti forti un convegno sul mondo dei social-media e il rispetto della libertà personale e della privacy e una tavola rotonda tra giovani evangelici, docenti e professionisti della formazione sul ruolo dei giovani cristiani nel futuro della società tedesca.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE