Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Lo sguardo

· In russo le meditazioni di Bergoglio sulla Madre di Dio ·

Questo libro che si offre oggi all’attenzione del lettore contiene alcune meditazioni di Papa Francesco sulla Madre di Dio. Si tratta di un testo recente del Pontefice e di dodici omelie che Jorge Mario Bergoglio, all’epoca arcivescovo e cardinale, ha pronunciato dal 1999 al 2012, in genere accompagnando gruppi di giovani argentini in pellegrinaggio al santuario mariano di Nostra Signora di Luján. 

A questo santuario, nel cuore della sconfinata pianura della Pampa argentina, fin dal xvii secolo ogni anno accorrono milioni di pellegrini dall’Argentina e da tutto il Sudamerica. La Madonna di Luján è venerata in America Latina come Madre che intercede per i poveri e gli umili. Felicitandosi con lui per la sua elezione, il Patriarca Kirill ha fatto dono al nuovo Primate della Chiesa Cattolica Romana di un’icona della Madonna, chiamata «guarda all’umiltà».
Questo nome è un riferimento al Magnificat, l’inno a Maria, in cui ella canta la grandezza di quanto l’Onnipotente ha operato in lei per la sua umiltà: «...perché ha guardato all’umiltà della sua serva» (Lc 1, 48). «Madre, donaci il tuo sguardo», prega il Papa con i giovani. Sguardo è una delle parole che ricorrono più frequentemente in queste meditazioni.
È lo sguardo d’amore e compassione con cui la Madre contempla il suo figlio appeso sulla croce. È lo sguardo del Figlio che, dalla croce, nel momento della sua più alta solitudine e maggiore abbandono, guarda con amore sua Madre; e, nella persona di Giovanni, il discepolo amato, le affida tutti noi (cf. Gv 19, 25-27), chiedendole di guardarci con lo stesso amore.
Ciò non significa una pietà puramente sentimentale. Al contrario, il Papa chiede alla Madonna di dare a tutti i fedeli uno sguardo capace di vedere in chiunque ci circonda un fratello o una sorella, uno sguardo di amore e compassione, uno sguardo attento alle necessità di tutti, in particolare dei poveri, dei diseredati, degli emarginati, degli emigrati, degli anziani, degli sbandati, dei bambini di strada.
Questo sguardo d’amore diventa impegno concreto in difesa della vita, lavoro per la giustizia, lotta contro ogni sfruttamento. 

di Hilarion Alfeev

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE