Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Iran rispetta i limiti
dell’accordo sul nucleare

· Lo certifica un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica ·

Centrifughe iraniane utilizzate nella produzione di energia atomica (Islamic Republic Iran Broadcasting via  Ap)

Le riserve iraniane di materiali nucleari sono aumentate, ma rimangono nei limiti previsti dall’accordo del 2015. Lo ha certificato ieri in un rapporto l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea). Lo scorso 8 maggio — dando seguito alle decisioni prese dal Consiglio supremo per la sicurezza nazionale — il presidente iraniano, Hassan Rohani, ha annunciato che Teheran avrebbe incrementato le sue riserve in risposta alla decisione degli Stati Uniti di uscire dall’intesa sul nucleare firmata quattro anni fa con le potenze del cosiddetto gruppo dei 5+1.

Al 26 maggio, secondo il rapporto dell’Aiea, l’Iran ha 125,2 tonnellate di acqua pesante, con un aumento di 0,4 tonnellate rispetto a febbraio, ma pur sempre entro il limite di 130 tonnellate imposto dall’accordo di quattro anni fa. Per quanto riguarda l’uranio arricchito, al 20 maggio le scorte sono salite a 174,1 chilogrammi rispetto ai 163,8 di tre mesi prima, ma ben al di sotto del limite previsto di 300 chilogrammi.

Il programma nucleare iraniano è stato al centro anche del vertice di ieri della Lega araba a La Mecca, in Arabia Saudita. In una nota, i leader arabi hanno chiesto l’intervento della comunità internazionale per fermare il programma atomico di Teheran. Nel comunicato finale del vertice, la Lega araba ha denunciato i presunti attacchi iraniani come atti per destabilizzare la sicurezza della regione. E hanno chiesto che l’Iran cessi di «finanziare il terrorismo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE