Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Iran ai negoziati sulla Siria

· Svolta diplomatica ·

Washington, 28. Il conflitto siriano e la lotta al cosiddetto Stato islamico (Is) restano al centro del confronto diplomatico internazionale, che fa registrare cambiamenti significativi e sviluppi rilevanti, almeno in prospettiva. In particolare per quanto riguarda la posizione degli Stati Uniti sull’Iran.

Bambini tra le rovine di Damasco (Reuters)

Il Governo di Teheran ha infatti accettato l’invito a partecipare ai negoziati sulla crisi siriana che si terranno a Vienna. Nella capitale austriaca torneranno i ministri degli Esteri di Russia, Stati Uniti, Arabia Saudita e Turchia. Al termine dell’incontro, il secondo in questo formato in una settimana, si uniranno loro i rappresentanti di Iran, Egitto, Iraq e Libano e appunto Iran. L’agenzia di stampa iraniana Irna, nella tarda mattinata di oggi, ha comunicato che la delegazione a Vienna sarà guidata dal ministro degli Esteri, e Mohammad Javad Zarif, hanno discusso della crisi siriana in una conversazione telefonica. Ieri, lo stesso Zarif aveva discusso della crisi siriana in una conversazione telefonica con il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov. Nel darne notizia, il ministero degli Esteri russo ha precisato come i due abbiano «sottolineato che non c’è alternativa alla promozione del processo politico da parte di tutti i maggiori Paesi della regione senza alcuna eccezione». Inoltre, i due «hanno discusso di passi urgenti verso la preparazione di un dialogo politico all’interno della Siria».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE