Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L'intervista più lunga

· Dall’incontro del 31 luglio 1892 tra Rémy e Leone XIII a quello del 9 ottobre 2015 tra Pigozzi e Papa Francesco ·

La prima pagina con l’intervista a Pecci

La più lunga intervista concessa dal Pontefice: così, con una formula tanto efficace quanto pertinente, l’editore ha presentato l’ultimo libro di Jorge Mario Bergoglio (Risponde papa Francesco. Tutte le interviste e le conferenze stampa. Introduzione di Giovanni Maria Vian, Venezia, Marsilio, 2015, pagine 368, euro 18), che raccoglie quasi seicento risposte del Pontefice. 

L’intervista a Montini

A porre le domande, sin dal primo viaggio internazionale in Brasile, sono stati una novantina di giornalisti di tutto il mondo, che lo hanno incontrato a tu per tu o durante le conferenze stampa in aereo, di fatto divenute una nuova forma di comunicazione papale. Anche se la prima intervista a un Pontefice risale addirittura al 1892, durante il pontificato di Leone XIII, come spiega l’introduzione che pubblichiamo per intero. In febbraio infatti Pecci si servì di un giornale francese per lanciare con una sua dichiarazione un’enciclica distensiva nei confronti della Francia, mentre alla fine di luglio ricevette una celebre giornalista, Caroline Rémy, con cui conversò per ben settanta minuti su un tema scottante come l’antisemitismo. Non mancarono polemiche, e forse per questo il successivo colloquio di un Papa con un giornalista si ebbe solo nel 1959, tra Giovanni XXIII e Montanelli, di fatto un’occasione mancata. 

La copertina del settimanale francese con l’intervista a Papa Francesco

Tutto cambiò con Paolo VI e poi con i suoi successori, in particolare con l’attuale Pontefice, come documenta la raccolta appena pubblicata da Marsilio, i cui diritti d’autore sono per intero destinati alle opere di carità del Papa. La completezza e l’accuratezza del libro, che davvero si può leggere come una lunghissima conversazione con Francesco, aiutano in modo sorprendente a comprenderne il pensiero posto a confronto con questioni della contemporaneità, e ad apprezzarne il linguaggio immediato e vivacissimo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE