Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Lingua latina

· Con una Lettera Apostolica in forma di «motu proprio» Benedetto XVI istituisce la Pontificia Accademia di Latinità ·

“La lingua latina è sempre stata tenuta in altissima considerazione dalla Chiesa Cattolica e dai Romani Pontefici, i quali ne hanno assiduamente promosso la conoscenza e la diffusione, avendone fatto la propria lingua, capace di trasmettere universalmente il messaggio del Vangelo, come già autorevolmente affermato dalla Costituzione Apostolica Veterum sapientia del mio Predecessore, il Beato Giovanni XXIII”: è l'incipit della Lettera Apostolica scritta in forma di motu proprio con la quale Papa Benedetto XVI istituisce la Pontificia Accademia di Latinità dipendente dal Pontificio Consiglio della Cultura. Pubblicata ufficialmente su “L'Osservatore Romano”, la lettera è stata firmata il 10 novembre.

Intervistato dal nostro giornale, Ivano Dionigi, rettore dell’università di Bologna e presidente della istituenda Accademia, ha detto: “Perché il latino? Perché il greco e i classici? Per tre motivi essenzialmente. Il primo è la tutela dei beni culturali. In gioco c’è un destino culturale. Secondo: il greco e il latino ci aiutano a parlare bene. Terzo, i classici ci aiutano a pensare bene, è il loro lascito più vantaggioso; sono al contempo fondamento del presente e antagonisti al presente. E non voglio insistere sul tema delle radici identitarie perché sono evidenti”. E alla domanda sulle priorità in agenda ha risposto: “Due innanzitutto, la prima ripristinare l’obbligatorietà del latino nei seminari e, in secondo luogo, creare ponti a tutti i livelli: tra la ricerca che si occupa di tradizione cristiana e quella classica e pagana, tra le università, nella divulgazione ad alto livello. Dobbiamo capitalizzare al meglio questo grande patrimonio. Serviranno sempre mediatori culturali, un "piccolo gregge" capace di  tramandare e tradurre, lievito per tutti gli altri”.

Nasce così un'istituzione che cercherà di portare nuova linfa alla conoscenza della lingua e della cultura latine che nei secoli – come ricordato da Manlio Simonetti  in un articolo a commento – ha registrato  un progressivo decadimento.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE