Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L'inaugurazione della statua di san Michele nei giardini vaticani

Una presenza straordinaria ha caratterizzato l’inaugurazione della statua di San Michele in Vaticano: quella di  Benedetto XVI accanto a Papa Francesco. L’abbraccio è avvenuto durante la semplice cerimonia  per la benedizione della statua collocata davanti al Palazzo del Governatorato,  e per la consacrazione dello Stato della Città del Vaticano a san Giuseppe oltreché all’arcangelo. Papa Francesco e Benedetto XVI, tornato  in pubblico per la prima volta dal giorno della sua rinuncia,  si sono ritrovati così uno accanto all’altro, venerdì mattina 5 luglio.

All’inizio della cerimonia, il cardinale Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato, ha rivolto un breve saluto a Papa Francesco e a Benedetto XVI. «La consacrazione del Governatorato a san Giuseppe — ha detto — diventa per tutti noi un ulteriore impegno per l’adempimento del nostro lavoro a sostegno delle molteplici attività della Sede Apostolica. L’esempio umile e silenzioso dello sposo di Maria ci guidi nelle nostre quotidiane occupazioni, benedica le nostre famiglie  e ci sproni a essere sempre testimoni del Signore Risorto». Successivamente, il cardinale Giovanni Lajolo, presidente emerito del Governatorato, ha illustrato il significato del nuovo monumento e ha sottolineato come Papa Francesco abbia voluto che l’opera fosse ornata da un duplice stemma: il suo e quello di Benedetto XVI. I criteri estetici che hanno guidato l’artista, ha detto il porporato, «riflettono una concezione dell’arte come riflesso della bellezza di cui Dio ha ricolmato il creato e in particolare quella creatura da lui creata a sua immagine e somiglianza, la creatura umana, la più vicina, nella scala degli esseri, allo splendore delle creature angeliche». Per questo, ha aggiunto, l’arcangelo Michele è «qui raffigurato prendendo a prestito i tratti eroici di una figura umana, mentre Satana, da lui sconfitto, è rappresentato con una figura della medesima forma, ma rovesciata e deturpata, come conseguenza del peccato». Successivamente Papa Bergoglio ha indossato la stola rossa e ha recitato due preghiere di consacrazione: la prima a san Giuseppe e la seconda a san Michele Arcangelo. Nell’atto di consacrazione a san Giuseppe, il Pontefice ha posto sotto la protezione dello sposo di Maria i vescovi e i sacerdoti, le persone consacrate e i fedeli laici, che lavorano e vivono in Vaticano. Tra gli ecclesiastici presenti alla cerimonia erano i cardinali Bertone, Sandri, Vegliò e Calcagno, gli arcivescovi Becciu, Mamberti, Gänswein e Pichierri, il vescovo Sciacca, i monsignori Wells, Xuereb e Pedacchio Leaniz.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE