Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Libro d’Oriente

· Apprezzamento del Papa per l’originale iniziativa di un giovane francese ·

«Ringrazio tanto queste testimonianze della Chiesa in Oriente, una Chiesa che ha dato tanti santi, e oggi soffre. Prego per tutti voi. Vi sono vicino. 

Una pagina del “libro d’Oriente”

E, per favore, vi chiedo di pregare per me. Che il Signore vi benedica e la Madonna vi custodisca. Con la mia benedizione». Queste parole di Papa Francesco — scritte di suo pugno lo scorso lunedì 25 agosto — impreziosiscono le pagine del “libro d’Oriente”, una sorta di diario di viaggio che raccoglie testimonianze, messaggi e immagini delle comunità cristiane che vivono in oltre venti Paesi dell’Asia e dell’Africa. L’ha curato Vincent Gelot, un giovane francese di 24 anni, originario di Nantes, che al termine del suo percorso, durato due anni, lo ha fatto avere in visione al Pontefice, il quale ha voluto autografarlo per esprimere il suo apprezzamento. «Quando sono partito — racconta — volevo testimoniare, attraverso le immagini, la situazione delle comunità sparse per l’Oriente, ma volevo anche portare qualcosa a quei cristiani, in particolare il messaggio di pace del Papa». Così è nata l’idea di un libro nel quale documentare le esperienze vissute nei luoghi visitati. Da semplice raccolta di testimonianze quell’album è diventato così uno strumento di comunicazione tra le diverse comunità, anche quelle più isolate. Su quelle pagine le persone non solo hanno descritto le loro esperienze, ma hanno inviato messaggi agli altri cristiani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE