Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

In Libia
né accordo né pace

· Gli islamisti di Tripoli respingono ancora il piano dell’Onu ·

Il Congresso generale nazionale (Cgn), il Parlamento islamista libico insediato a Tripoli, ha disertato oggi la prevista ripresa dei negoziati a Shikrat, in Marocco, sotto l’egida delle Nazioni Unite, con la controparte rappresentata dal Governo che ha sede a Tobruk e che finora è il solo internazionalmente riconosciuto. 

La decisione del Cgn segue di poche ore gli ammonimenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che ieri aveva esortato i rappresentanti delle varie fazioni libiche ad accettare un accordo per la creazione di un Governo di unità nazionale, pena sanzioni «a chiunque ostacoli il piano di pace». Una dichiarazione del Consiglio aveva ribadito che «non vi può essere una soluzione militare alla crisi nel Paese nordafricano e che l’impegno per un Governo di unità nazionale è nell’interesse del popolo libico e per il suo futuro, al fine di porre fine alla crisi e affrontare la minaccia crescente del terrorismo». Secondo il Cgn, però, «le modifiche introdotte nel testo ultimo presentato dalle Nazioni Unite non includono le nostre proposte», come si legge in un breve comunicato diffuso stamane nel quale le autorità islamiste di Tripoli chiariscono di voler discutere «un nuovo progetto». La nuova tornata di colloqui tra le fazioni in lotta in Libia si era aperta a Skhirat lo scorso 26 giugno e quella di oggi era stata annunciata da molti osservatori come la possibile data della firma di un accordo per un Governo di unità nazionale che, tra l’altro, potesse affrontare la sfida portata dalle milizie jihadiste di dichiarata appartenenza al cosiddetto Stato islamico (Is).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE