Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Libertà religiosa
diritto inalienabile

· ​Intervento dell’arcivescovo Gallagher all’Onu ·

La libertà religiosa e di culto è un diritto essenziale e inalienabile che spetta in primo luogo ai governi e alle autorità religiose difendere. Questo il punto nodale dell’intervento tenuto dal segretario per i Rapporti con gli Stati, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, ieri, nel corso di un evento dedicato alla libertà religiosa e alle persecuzioni delle minoranze cristiane tenutosi a margine della settantatreesima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

Un giovane copto egiziano

«È un fatto storico indiscutibile — ha spiegato l’arcivescovo Gallagher — che gli inizi della cristianità siano stati in Medio oriente. Tuttavia, la dura verità è che le vecchie comunità cristiane stanno avendo problemi nella regione della nascita della cristianità. La popolazione cristiana in Medio oriente è calata drammaticamente in questi ultimi anni e, in alcuni luoghi, potrebbe non sopravvivere indipendentemente da quanto profonde siano le sue radici».

Un punto essenziale dell’intervento dell’arcivescovo Gallagher è stato il rapporto tra cristiani e musulmani. «I cristiani hanno sempre convissuto con i musulmani e sono stati parte del tessuto sociale del Medio oriente. Tale evidente fatto serve per ricordare al mondo ancora una volta che i cristiani hanno tutto il diritto a vivere in pace e libertà. Infatti, per due millenni, le comunità cristiane in Medio oriente hanno attivamente contribuito alle loro rispettive società. Esse erano di grande aiuto nella protezione e nella promozione delle antiche culture nella regione». Ad esempio — ha ricordato l’arcivescovo — «la comunità siriaca ancora parla e prega in aramaico, la lingua di Gesù. La diaspora cristiana dal Medio oriente ha diffuso la sua cultura in tutto il mondo». Per un lungo periodo nella storia «cristiani e musulmani hanno vissuto in pace gli uni accanto agli altri, nonostante sporadici casi di violenza basati su una manipolazione politica della religione o dell’appartenenza etnica». Ciò nonostante, ha spiegato il segretario per i Rapporti con gli Stati, «nelle ultime decadi qualcosa ha distrutto questa relativamente armoniosa coesistenza». I cristiani e le altre minoranze religiose ed etniche in Medio oriente «hanno sofferto difficoltà, pressioni, discriminazione e perfino persecuzioni mortali».

Si tratta di un fatto gravissimo, che non è soltanto una questione religiosa, «ma un problema di diritti umani fondamentali». I crimini compiuti contro le minoranze religiose chiedono soprattutto una risposta sul piano pubblico, da parte delle autorità locali. «”Protezione” è una basilare responsabilità degli stati verso tutti i suoi cittadini indipendentemente dalla razza, dalla religione e dall’appartenenza etnica». Ma non solo: l’arcivescovo ha sottolineato anche il ruolo dei leader religiosi in questo processo, richiamando la «seria e specifica responsabilità dei leader religiosi nel combattere e nel condannare l’abuso della credenza e del sentimento religiosi nel giustificare il terrorismo e la violenza contro i credenti delle altre religioni».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE