Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Libera Chiesa
in libero Stato

· ​E' giansenista l'origin della formula rilanciata da Cavour ·

La storiografia è tuttora concorde, rifacendosi al Ruffini, a Jemolo e poi a Ettore Passerin — che però aveva rivalutato Montalembert — nel ritenere che il Conte di Cavour avesse mutuato dal pastore ginevrino Alexandre Vinet, se non nella lettera, certamente nello spirito, la famosa formula libera Chiesa in libero Stato, centrale per definire il profilo dei rapporti Stato-religione nel Risorgimento italiano.

Pio IX e Vittorio Emanuele II in un fotomontaggio di Enrico Verzaschi (1873 circa)

È noto che Montalembert accusò il Vinet — e Cavour nel 1863 — di avergli “rubato” la formula e che Cavour e Vinet si erano frequentati durante i soggiorni a Ginevra del giovane rampollo dei marchesi di Cavour. Meno nota, anche se studiata proprio dal Ruffini con riferimento alla madre, l’influenza sul medesimo giovane Cavour delle dottrine gianseniste. È proprio Ruffini, infatti, a mettere in piena evidenza, richiamando anche il caso di Enrichetta Blondel Manzoni, il ruolo dei giansenisti piemontesi nella conversione al cattolicesimo della madre di Cavour, la ginevrina Adele de Sellon moglie del marchese Michele.
Peraltro né il Ruffini nel 1929, né Passerin nel 1953 e nel 1954 potevano sapere quello che Pietro Stella avrebbe messo in luce nel 2006.
Nello studio Respublica non in ecclesia sed ecclesia in respublica est id est in imperio romano (Ottato di Milevi). Da Giannone, a Cavour e al Vaticano ii Stella ricorda appunto che il testo fu opera di sant’Ottato — vescovo africano di Milevi visse tra il 320 (?) e il 397 (o 392?), citato da san Gerolamo e sant’Agostino — e compare nei suoi Libri vii, pubblicati a Magonza nel 1549 da Cochlaeus col titolo De Schismate donatistarum. Opera che, nella edizione di Parigi del 1631, fu «immancabilmente presente nell’arsenale erudito di giurisdizionalisti e giansenisti che miravano a districare i poteri civili e politici da quelli dell’organizzazione ecclesiastica. In pieno Ottocento Camillo Cavour proclamò la famosa formula: “Libera Chiesa in libero Stato” lasciando facilmente trasparire il dettato di Ottato ed evocando, di fatto, le battaglie dottrinali combattute attorno ad essa per secoli dagli schieramenti teologici e politici più vari. Nel Novecento i processi avanzati di secolarizzazione mutarono i rapporti tra religiosità cristiana e società: la citazione dell’antico padre della Chiesa scomparve, come si vedrà, dalla griglia erudita anche del concilio Vaticano ii, a riprova, si direbbe, di un cambiamento epocale» (Stella).
In effetti già nei primi decenni del Seicento la formula di Ottato aveva assunto una enfasi particolare negli autori che si occupavano di rapporti tra potere politico e potere spirituale: Stella ricorda Grozio (1614), che la legge come ecclesia regitur a republica, e Pufendorf che però negava che le Chiese, come sosteneva Bellarmino, fossero “società perfette”, mentre più vicine al senso originario delle parole del vescovo di Milevi appaiono le idee di uno dei “santoni” del giansenismo, Quesnel, il quale nella famosa Discipline de l’Eglise (1689) cita letteralmente la formula, richiamando anche Leone Magno, in una chiave gallicana-moderata (Passerin). La medesima formula è citata, nello stesso anno, da Louis Ellies Dupin che cura anche un’edizione dell’opera di Ottato. Da Parigi la formula rimbalzò a Napoli e a Torino dove venne usata nella difesa dei diritti della “Monarchia sicula”.
A Napoli ne colsero l’efficacia politica Giuseppe Valletta e Gaetano Argento. Giannone, invece, attinse a piene mani al Dupin e fece propria la lettura di Ottato data dall’Argento, mentre a Firenze l’abate Nicolini in una lettera a Neri Corsini (1775) — citata proprio da Passerin in La riforma giansenista della Chiesa (1959) — riecheggia la formula di Ottato. Ma è l’oratoriano de la Borde, deciso sostenitore di Quesnel e strenuo refrattario alla bolla Unigenitus, a scrivere in un’opera tradotta a Venezia dal Pujati (1775) e inserita da Scipione de Ricci nella Raccolta di opuscoli pistoiesi del 1784, ad affermare, diremmo noi proprio in chiave cavouriana: «Come cristiani, noi non abbiam qui né diritti, né pretensioni: altrove abbiam la patria, altrove i diritti (...). E in questo senso ha detto S. Ottato Milevitano, che la Chiesa è nell’impero, ecclesia in imperio. Notisi, che non la dice dell’impero, né dipendente dall’impero ma semplicemente ch’è nell’impero: ed ella in fatti vi è straniera, né gli domanda altro favore che la libertà del passaggio».
E il Ricci, scrivendo all’abate “giansenistissimo” Augustin Clément il 14 aprile 1791, fa implicitamente appello alla formula milevitana quando specifica: «La Chiesa è nata nella repubblica, e non ha voluto il suo fondatore turbare in alcuna maniera i diritti della società e del principato perché dati ugualmente da Dio».
Per Stella «negli anni del riformismo illuminato il peso sempre maggiore del potere statale in materia ecclesiastica rende più frequente il richiamo alla libertà della Chiesa, che pure viene descritta come all’interno dello Stato. Il richiamo alla libertà diventa più esplicito e insistente quando, in epoca rivoluzionaria, la prigionia di Pio vi e poi quella di Pio vii si materializzano in simbolo della Chiesa non più libera e di Cristo in balia dei suoi crocifissori.
Con ciò si spiega, pertanto, il persistere della formula «la Chiesa nello Stato» ancora nell’Ottocento. A farne conservare il ricordo e l’uso contribuiscono negli anni della Restaurazione il permanere dell’insegnamento giusnaturalista e di quello giurisdizionalista nelle versioni rinnovate del giuseppinismo e del gallicanesimo.
Non a caso «negli anni sessanta dell’Ottocento vennero ristampate, o stampate per la prima volta, opere di esponenti del giansenismo italiano del tardo Settecento e del primo Ottocento» (Stella).

di Francesco Margiotta Broglio

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE