Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A lezione dai bambini

Il Papa è tornato a scuola per ascoltare una singolare lezione sulla cura del creato. A proporgliela alcuni alunni di terza e quarta elementari della «Nostra Signora Regina degli Angeli», nel quartiere di East Harlem a New York, visitato nel pomeriggio di venerdì 25. E Francesco ha risposto dando loro un compito a casa: pregare per lui. Un momento simpatico e gioioso, dopo gli appuntamenti della mattina all’Onu e a Ground Zero.

Accolto davanti alla scuola dalla direttrice e da numerosi ragazzi di diversi istituti cattolici della diocesi, che lo hanno salutato con entusiasmo chiedendogli più volte di posare per un selfie, Francesco è entrato in una classe dove ad attenderlo c’erano alunni di quattro scuole: Saint Ann, Saint Charles Borromeo, Saint Paul e Our Lady Queen of Angels. Che gli hanno dato il benvenuto con un canto francescano — e il Papa ha fatto loro cenno di cantare a voce più alta fingendo di non sentirli — e poi con una preghiera alla Madonna. Dopodiché alcuni bambini hanno illustrato i progetti che portano avanti sui temi della cura dell’ambiente e sui servizi alla comunità. Infine due di loro, un maschio e una femmina, lo hanno condotto davanti a una lavagna multimediale per una piccola lezione, chiedendogli di cliccare sullo schermo. Francesco ci ha provato più volte, senza ottenere l’effetto richiesto. E allora la bimba gli ha preso la mano e lo ha guidato, tra i sorrisi dei presenti. Terminata la lezione, gli hanno donato un libro contenente preghiere, fotografie e disegni degli studenti.

dal nostro inviato Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE