Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Europa
torni a essere madre

· Intervista di Papa Francesco a Rádio Renascença ·

Siamo in piena crisi dei profughi. Lei, Santo Padre, come sta vivendo questa situazione?

“È la punta di un iceberg. Vediamo questi profughi, questa povera gente, che fugge dalla guerra, che fugge dalla fame, ma è solo la punta dell’iceberg. 

Un momento dell’incontro tra il Pontefice  e la giornalista Al di sotto c’è la causa. E la causa è un sistema socio-economico malvagio, ingiusto, perché dentro un sistema economico, dentro tutto, dentro il mondo, per parlare del problema ecologico, dentro la società socio-economica, dentro la politica, al centro ci deve essere sempre la persona. E il sistema economico dominante oggigiorno ha decentrato la persona e al centro c’è il dio denaro, c’è l’idolo di moda. Ci sono statistiche, non ricordo bene — forse non è esatto, potrei sbagliarmi — secondo le quali il 17 per cento della popolazione del mondo detiene l’80 per cento delle ricchezze”.

E' una delle domande che pubblichiamo in una nostra traduzione dell’intervista che Papa Francesco ha rilasciato lo scorso '8 settembre alla vaticanista Aura Vistas Miguel di Rádio Renascença, trasmessa dall’emittente portoghese il lunedì successivo.

Un Papa che viene «dalla fine del mondo», come vede il Portogallo e i portoghesi?

In Portogallo sono stato solo una volta, all’aeroporto, anni fa, mentre venivo a Roma, in un aereo della Varig che faceva scalo a Lisbona, e così conosco l’aeroporto, però sì, conosco molti portoghesi. E nel seminario di Buenos Aires c’erano molti impiegati migranti portoghesi. Persone buone, che avevano grande familiarità con i seminaristi. E papà aveva un compagno di lavoro portoghese. Mi ricordo che si chiamava Adelino, una brava persona, e un volta mi è capitato di conoscere una signora portoghese ultraottantenne e anche lei mi fece una buona impressione. Insomma, non ho conosciuto nessun portoghese cattivo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE