Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Europa s’interroga sulla tragedia degli immigrati

· Ancora sbarchi sulle coste italiane mentre in Grecia scoppia una rivolta in un centro accoglienza ·

L’Europa s’interroga sulla questione immigrazione dopo gli ultimi, tragici sbarchi sulle coste italiane. Il portavoce della Sala Stampa della Santa Sede, il gesuita Federico Lombardi, ha riferito che Papa Francesco segue «con grande preoccupazione» queste vicende. «La questione dei migranti — ha spiegato Lombardi — è sempre tra quelle in cima ai suoi pensieri: questo lo ha abbondantemente dimostrato col suo viaggio a Lampedusa, il primo del suo pontificato». Lombardi ha poi ribadito che su questi temi «c’è stato il messaggio del Papa per i migranti, poi il viaggio a Lampedusa, e si tratta di un monito che deve essere presente a tutti noi e anche ai responsabili, a chi insomma deve prendere decisioni su come affrontare questi problemi».

L’allerta, intanto, resta altissima: ieri mattina ottanta migranti sono giunti a Monasterace, nella Locride, a bordo di un barcone che si è arenato sulla battigia e capovolto. Nessuno è rimasto ferito: la maggior parte è stata rintracciata dai carabinieri. Sono quasi tutti egiziani. E dall’Egitto venivano anche i sei naufraghi — tutti giovani tra i 17 e i 27 anni — morti annegati sabato sul litorale catanese. Tensione anche in Grecia: una rivolta è esplosa nel centro di Amygdaleza, vicino ad Atene, con 1.200 immigrati soprattutto asiatici in attesa di rimpatrio, tenuti sotto sorveglianza dalla polizia. La struttura è stata data parzialmente alle fiamme dai rivoltosi. Dieci migranti fuggiti sono attualmente ricercati dalla polizia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE