Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Europa ha bisogno
di un’Africa forte

· ​Bruxelles vuole il rilancio della cooperazione ·

Bandiere europee di fronte alla sede della Commissione a Bruxelles (Ansa)

La Commissione europea fissa priorità politiche e proposte concrete per rafforzare il partenariato con l’Africa. È quanto si legge in un comunicato ufficiale rilasciato ieri che sottolinea come i leader dell’Unione abbiamo lanciato un’intesa per costruire nuove forme di cooperazione con diversi paesi africani su pace, sicurezza, migrazione, creazione di posti di lavoro ed energia. L’obiettivo è quello di porre le basi del vertice previsto per il prossimo novembre. Si tratterà di uno dei più importanti summit europei e africani: l’intenzione è di porre un accento particolare sulla condizione dei giovani dei due continenti. «Il 2017 è l’anno in cui sarà dato nuovo impulso al partenariato tra Europa e Africa: qualsiasi ostacolo su questo percorso costituisce una sfida comune, e la speranza dell’Africa è la nostra. L’Europa ha bisogno di un’Africa forte» ha commentato l’alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell’Unione, Federica Mogherini. «Solo unendo le forze e collaborando — ha aggiunto Mogherini — potremo offrire ai giovani un futuro più sicuro e pacifico». In questo momento storico, ha concluso il diplomatico, «la nostra attenzione non è rivolta a ciò che possiamo fare insieme all’Africa». La proposta Ue definisce alcuni obiettivi per la costruzione di un’alleanza strategica che consenta di far fronte a una serie di sfide globali e regionali che vanno affrontate assieme. In primo luogo, è prevista una più intensa cooperazione a livello bilaterale e sulla scena internazionale, sulla base di valori e interessi comuni che vanno tutelati congiuntamente. In secondo luogo un’attenzione alla sicurezza, sia a terra sia in mare, e alla lotta contro le minacce transnazionali. Infine uno sviluppo economico sostenibile e inclusivo in Africa, per creare i posti di lavoro di cui ha bisogno il continente.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 gennaio 2018

NOTIZIE CORRELATE