Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Europa attende il piano greco

· ​Allo studio riforme da dodici miliardi per un terzo salvataggio ·

L’Europa attende il piano greco: in serata l’Esecutivo guidato da Alexis Tsipras presenterà una serie di proposte ai creditori internazionali per ottenere un nuovo piano di aiuti. 

Un anziano nel centro di Atene  in attesa di riscuotere la pensione (Reuters)

La Commissione europea — ha detto un portavoce — è al momento impegnata nella «valutazione delle esigenze finanziarie e della sostenibilità del debito». Una volta che la proposta sarà presentata, sarà a sua volta oggetto di valutazione da parte delle istituzioni in vista della riunione dell’Eurogruppo, che sarà convocata per sabato. Intanto, il ministero delle Finanze greco ha comunicato che le banche nel paese ellenico resteranno chiuse fino a lunedì prossimo. Questa sera, dunque, Tsipras metterà sul tavolo un piano da 12 miliardi di euro di riforme, da completare nei prossimi due anni. Sullo sfondo, resta l'esigenza di ristrutturare il debito per la quale spingono sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) che la Casa Bianca, in cerca di soluzioni definitive alla crisi ellenica. Secondo quanto riporta il quotidiano ellenico «Kathimerini», nel documento che deve arrivare a Bruxelles entro la mezzanotte di oggi ci sarebbero non solo più riforme di quelle pronosticate alla vigilia, ma anche un bilancio dell'attuale congiuntura greca: a fronte di una crescita preventivata dello 0,5 per cento quest'anno, il pil (prodotto interno lordo) dovrebbe contrarsi del tre per cento a causa delle incertezze e turbolenze degli ultimi tempi. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE