Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Lettere dal direttore

È bastata qualche parola del Santo Padre a smontare l’enfasi che i mass-media (compreso questo quotidiano) hanno attribuito all’evento “storico” di ieri 4 febbraio 2019. Ogni giorno è “storico” ha ricordato il Papa prima ancora di cominciare a rispondere alle domande dei giornalisti nella tradizionale conferenza stampa sul volo di ritorno. Ogni giorno, ogni momento è storico, ogni uomo vivendo la sua quotidianità scrive la storia, la sua e la grande storia. Non esistono storie piccole, nemmeno quelle brutte, anche quelle rivelano una dignità nel fondo che va scoperta e che emergerà. Scrive Borges, che il Papa ha conosciuto bene, che non c’è giornata umana, anche di ospedale o di carcere, che non contenga una rete infinitesimale di sorprese.

Le storie, la dimensione narrativa, è questa una chiave interpretativa di questo pontificato che si nutre di forti letture, come Dostoevskij citato esplicitamente nel discorso di ieri, o come Manzoni che implicitamente è sotteso a queste brevi parole del Papa che ci ricordano il rischio da evitare di vivere secondo la logica dell’evento che in quanto tale fagocita se stesso.

A.M.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE