Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Lettere dal direttore

«And when it’s time for leaving Mozambique», cantava Bob Dylan alla fine del 1975. Nel giugno di quell’anno lo stato africano aveva finalmente ottenuto l’indipendenza e il cantautore americano celebra l’avvenimento dedicandogli una scatenata ballata a suon di violino che termina con un sognante saluto a quella “magic land”: «E quando è tempo di lasciare il Mozambico, / di dire addio alla spiaggia ed al mare/ ti volti per un ultimo sguardo/ e capisci perchè è così speciale stare/ tra la amabile gente libera/ sulle spiagge dell’assolato Mozambico».

Il Papa ha salutato questa terra alla volta del Madagascar, altro paradiso naturale, altre difficoltà, e lo ha fatto anche lui sognando ma come fa lui, ad occhi bene aperti e attenti per mettere in moto processi che poi i sogni cercano di trasformarli in solide realtà. Certamente anche il Papa, senza neanche andare in spiaggia, ha sentito come è «speciale stare tra la amabile gente libera del Mozambico», che gli ha riservato un’accoglienza a dir poco calorosa, ricca di musica e canti. Non ci sono stati i violini di Dylan ma tanti, tanti tamburi, suonati dalla gente del popolo, uno strumento semplice e antico, che forse è il simbolo più diretto al tempo stesso più pungente della terra mozambicana. Lo ha ricordato Sergio Suchodolak in un articolo pubblicato nella nostra pagina culturale dedicato a Craveirinha il più grande poeta del Mozambico che diceva di sé: «Voglio essere tamburo» riferendosi alla lotta per la libertà che andava accompagnata dal ritmo incessante del tamburo. In questi due giorni i tamburi di Maputo suonavano di gioia per l’arrivo del Papa, per la libertà e la pace ottenute e invocavano riconciliazione e speranza. La speranza che il Papa ha portato in questa terra lontana e che riporta con sé verso nuove mete ora che è venuto il tempo di lasciarla.

A.M.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE