Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’episcopato latinoamericano a Rio per la gmg

· I vescovi del Celam incontreranno il Pontefice ·

Il Celam ha sempre promosso la partecipazione e ha preso parte alle giornate. Lo scorso anno il Consiglio della presidenza ha deciso di tenere in Brasile la riunione generale di coordinamento, che solitamente si svolge a Bogotá, per facilitare la partecipazione alla Giornata mondiale della gioventù ai cinquanta vescovi latinoamericani convocati per tale riunione. La relazione esistente tra il Consiglio episcopale latinoamericano e la Santa Sede è stata fondamentale per il servizio che il Consiglio deve prestare alle ventidue Conferenze episcopali dell’America Latina e dei Caraibi. Non è soltanto un rapporto strategico, ma è anche e soprattutto una relazione di comunione ecclesiale indispensabile, poiché il fine per cui il Consiglio è stato creato è quello di promuovere e di favorire la collegialità tra i vescovi e la comunione tra le conferenze episcopali. Questo compito è chiaramente un servizio al ministero petrino, per cui tra il Celam e la Santa Sede ci devono essere la massima comunicazione e la migliore intesa.

Anche il Celam riceverà un dono da Dio a Rio de Janeiro. Papa Francesco, di fatto, vuole incontrare i cinquanta vescovi responsabili del cammino del Consiglio episcopale per questo quadriennio 2011-2015. L’appuntamento è fissato per il pomeriggio di domenica 28 luglio.

Sarà la prima volta che un Papa parteciperà alla riunione generale di coordinamento, che si celebra ogni anno per esaminare le attività svolte e per precisare i programmi da mettere in atto, conformemente alle richieste presentate dalle conferenze episcopali all’Assemblea ordinaria del Celam e a quelle espresse nel Piano globale.

Aspettiamo con grande interesse il messaggio che ci offrirà il Santo Padre Francesco per intensificare i nostri sforzi e coinvolgere i vescovi del continente  nel rinnovamento pastorale della Chiesa, seguendo gli orientamenti del documento di Aparecida.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE