Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’educazione
è la prima strategia ambientale

· Seminario di lavoro delle Pontificie accademie delle scienze e delle scienze sociali ·

«Considerare l’educazione ambientale come un requisito urgente, affinché gli individui, le società e gli Stati prendano coscienza del significato trascendente» del mondo che ci circonda.

È questa «la prima strategia ambientale» proposta dal cardinale Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga, presidente di Caritas internationalis, che venerdì mattina, 2 maggio, ha aperto in Vaticano il seminario di lavoro congiunto delle Pontificie accademie delle scienze e delle scienze sociali sul tema: «Umanità sostenibile. Natura sostenibile. La nostra responsabilità».

Nella sede della Casina Pio IV, fino a martedì 6 maggio, studiosi di tutto il pianeta si stanno confrontando sull’argomento. Nella giornata inaugurale sono intervenuti per esempio il palenteologo Yves Coppens, gli economisti Partha Dasgupta, Joachim von Braun e Jeffrey Sachs, il demografo Gérard-François Dumont e il premio nobel per la chimica Paul Crutzen. Nella consapevolezza che «non esistono problemi ambientali individuali, ma una vasta serie di problemi interconnessi», gli scienziati intervenuti hanno sottolineato come alcuni di questi problemi si stiano già presentando oggi, mentre altri sono potenziali rischi per il futuro, che si manifestano su scale diverse e procedono a differenti velocità. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE