Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Eden ritrovato

· Santi e animali ·

«Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona».

 Così nella Genesi (1, 25) si presenta la creazione degli animali, ovvero degli esseri che hanno un’anima, e quindi sono viventi giacché è la presenza di un’anima ad essere la caratteristica di ogni vita, non solo di quella degli esseri umani. Il testo biblico stabilisce perciò fin dall’inizio una profonda vicinanza tra gli animali e l’uomo, che vivevano nell’ Eden in armoniosa comunione. Del resto, anche Papa Giovanni Paolo ii - scrive Marco Vannini citando "L’Osservatore Romano" del 11 gennaio 1990 - ha affermato che non solo l’uomo, ma anche gli animali hanno un soffio divino.

Questo il punto di partenza della ricerca che Guidalberto Bormolini — sacerdote e monaco nella comunità dei Ricostruttori — svolge in I santi e gli animali. L’Eden ritrovato (Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, 2014, pagine 344, euro 18) ampia, dettagliata ricognizione del rapporto che i santi hanno intrattenuto con i nostri muti compagni di viaggio su questa terra. Come recita un detto dei padri del monachesimo, «trova la pace in te stesso e anche il cielo e la terra si pacificheranno per te”. L’esempio più noto per noi è quello di Francesco, ma in realtà il santo di Assisi è l’erede di una tradizione antica, che non a caso viene fatta rimontare a una mitica età dell’oro, o a un Eden, appunto, nella quale l’uomo era profondamente ed intimamente unito al cosmo tutto, e la sua “caduta” non aveva ancora spezzato l’amore cosmico, che è il destino comune della creazione. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE