Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’ecumenismo esige conversione

· Benedetto XVI conclude la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani ·

«L’ecumenismo non darà frutti duraturi se non sarà accompagnato da gesti concreti di conversione». Lo ha ribadito Benedetto XVI presiedendo, nel pomeriggio di venerdì 25 gennaio, nella basilica di San Paolo fuori le Mura, la celebrazione dei secondi Vespri della festa della Conversione dell’Apostolo. Di fronte a numerosi rappresentanti di Chiese e comunità ecclesiali il Papa ha invitato a non trascurare o minimizzare «le questioni dottrinali che ancora ci dividono», ma ad affrontarle «con coraggio e in spirito di fraternità e di rispetto reciproco». Rilevando che «nella società attuale il messaggio cristiano incide sempre meno nella vita personale e comunitaria», il Pontefice ha ribadito che «oggi c’è grande bisogno di riconciliazione, di dialogo e di comprensione reciproca, in una prospettiva non moralistica, ma proprio in nome dell’autenticità cristiana per una presenza più incisiva nella realtà del nostro tempo». Da Benedetto XVI, infine, anche un richiamo all’importanza dell’«ecumenismo spirituale» e l’assicurazione della preghiera per «tutti i cristiani dell’India, che a volte sono chiamati a rendere testimonianza della loro fede in condizioni difficili».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE