Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Le suore della pallavolo italiana

È stata l’Agil Volley, società con sede a Novara, ad aggiudicarsi l’ultimo campionato italiano di pallavolo femminile. Perché lo ricordiamo? Perché si tratta di una società unica nel suo genere. Non tanto, e non solo, per il suo nome, che è un acronimo (A per Amicizia, G per Gioia, I per Impegno e L per Lealtà), ma perché si tratta di una società interamente gestita da suore. Presidente e amministratore unico ne è infatti suor Giovanna Saporiti, mentre suor Monica Loro ne è la vicepresidente, oltre che la responsabile delle squadre insieme a suor Barbara Bertori e suor Lorena Garau. Quattro religiose dunque che guidano e si occupano di tutta l’attività organizzativa e agonistica, dal minivolley al campionato, che coinvolge oltre duecento ragazze della città piemontese. Fondata nel 1984 — la sede era allora a Trecate — da suor Saporiti (come le altre dell’ordine delle ministre della carità di san Vincenzo de’ Paoli), negli anni la società è cresciuta lentamente, arrivando ai vertici della pallavolo nazionale. E così la scelta di trentaquattro anni fa si è rivelata vincente: «C’era da decidere se utilizzare un nostro terreno incolto per costruire una casa di cura per anziani o una comunità per il recupero dei tossicodipendenti, oppure un centro sportivo che funzionasse da punto di aggregazione per i giovani. Ha vinto lo sport ed è nata la squadra di pallavolo» ha raccontato la religiosa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE