Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Le sanzioni e lo spiraglio

· Barack Obama prospetta misure più stringenti contro la Russia ma lascia aperta la porta al dialogo ·

Bruxelles, 26. Resta alta la tensione in Ucraina dopo l’annessione della Crimea alla Federazione russa. Da ieri la bandiera russa sventola su tutte le installazioni militari in Crimea. Forse anche per questo il presidente statunitense Barack Obama — oggi in missione a Bruxelless dove incontra gli esponenti del Governo belga, il segretario generale della Nato e i vertice dell’Ue prima di giungere a Roma — ha lanciato ieri dall’Aja un monito a Putin: se non si ferma, il resto del mondo è pronto a reagire. E l’Alleanza atlantica sta già preparando piani per difendere gli altri Paesi dell’est europeo. Obama ha sottolineato che dopo l’annessione della Crimea la Russia «è più isolata che ai tempi dell’Unione sovietica».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE