Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Le medaglie dell’anima

· Al Festival del film di Roma il documentario di Oren Jacoby sugli italiani che salvarono gli ebrei ·

«Il bene si fa, ma non si dice. E certe medaglie si appendono all’anima, non alla giacca». Il grande campione di ciclismo Gino Bartali non aveva dubbi su quali trofei vantare. Quelli conquistati tagliando per primo il traguardo lungo strade polverose senz’altro. Ma forse non era a questi a cui teneva di più. I più cari probabilmente erano quelli che per decenni ha custodito gelosamente nel cuore: le tante persone — uomini, donne, bambini, anziani — salvati grazie anche alla sua coraggiosa opera dalla persecuzione antiebraica dei nazifascisti. Opera di salvataggio raccontata, insieme ad altre analoghe, nel documentario My Italian Secret. The Forgotten Heroes («Il mio segreto italiano. Gli eroi dimenticati») del regista newyorkese Oren Jacoby, presentato ieri, giovedì, al Festival internazionale del film di Roma, nella sezione eventi speciali.

Gino Bartali convalescente nella sua casa di Ponte a Ema

«Ero uno studente di cinema a Roma — ricorda il regista — quando ho sentito parlare del rastrellamento nazista degli ebrei del 16 ottobre 1943. Anni dopo, ho conosciuto la storia allora poco nota degli italiani che rischiarono la vita per salvare degli stranieri innocenti dai tedeschi». Quella di Gino Bartali che contrabbandava documenti falsi nascondendoli nel telaio della sua bici girando il centro Italia e supportando così la rete clandestina messa in piedi dall’arcivescovo di Firenze, cardinale Dalla Costa, e dal vescovo di Assisi, monsignor Nicolini. Come pure quella del dottor Giovanni Borromeo, che inventò una malattia, il contagiosissimo e pericolosissimo «morbo K» (K stava per Kesserling e il famigerato Kappler), per spaventare la ss e salvare gli ebrei ricoverati in uno speciale reparto dell’ospedale Fatebenefratelli, all’isola Tiberina, proprio di fronte alla sinagoga. «Ingegnosi atti di coraggio, storie per me irresistibili», sottolinea Jacoby, che è così partito per un viaggio lungo l’Italia per raccontare le vicende di quanti, incuranti del grave pericolo che correvano con le loro famiglie, si prodigarono per mettere in salvo gli ebrei. 

Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE