Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Le incognite del dopo Tillerson

· Secondo la stampa statunitense Trump si preparerebbe ad altri licenziamenti illustri ·

 Lavorare affinché «la nostra nazione sia per sempre sicura, forte ed orgogliosa e potente e libera». Queste le prime parole pronunciate da Mike Pompeo dopo la designazione a segretario di stato da parte del presidente americano, Donald Trump. Il direttore uscente della Cia scelto per sostituire Rex Tillerson si è detto «profondamente grato al presidente Trump: la sua leadership — ha dichiarato — ha reso l’America più sicura e non vedo l’ora di rappresentarla e di rappresentare il popolo americano davanti al resto del mondo per portare avanti la prosperità americana».

Pompeo è considerato un “falco” in politica estera. Si è detto più volte contrario all’accordo sul nucleare iraniano e sostenitore di Israele. Consigliere di Trump fin dai tempi della campagna elettorale, ha espresso di recente posizioni molto critiche nei confronti della Corea del Nord.

A sostituire Pompeo alla guida della Cia arriva Gina Haspel, l’attuale vicedirettore. Haspel, considerata anche lei un “falco”, sarà la prima donna direttore dell’agenzia di intelligence. I media hanno messo in rilievo come Haspel nel 2002 sarebbe stata coinvolta in casi di tortura a due prigionieri sospettati di terrorismo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 dicembre 2018

NOTIZIE CORRELATE