Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Le fotografe e la guerra

Per più di un mese la città di Daegu nella Corea del Sud ha ospitato una grande esposizione, Women in War, che ha presentato i lavori di fotografe donne, originarie di vari Paesi, tutte alle prese con scontri, lotte, violenze e, soprattutto, guerre. Da quella del Vietnam al conflitto di Gaza, dal Rwanda alla ex Jugoslavia, dal Kashmir al Congo, passando per quella al confine tra India e Pakistan. Le opere — una delle quali riprodotta qui a destra — sono state divise in due parti: The Memory of War e The Memory of Truth. In alcuni casi, essendo il fronte domestico precluso ai maschi per motivi sociali o religiosi, le fotografe donne sono state le sole a poter testimoniare scene altrimenti ignorate dai colleghi. E da questa vasta e varia galleria di sguardi, macerie, luci e speranze, si è levato un grande grido per chiedere la pace. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE