Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Le famiglie migranti
vogliono restare unite

· Tre donne rinunciano allo sbarco dalla nave Alan Kurdi ·

È diretta a Malta la nave Alan Kurdi, della ong tedesca Sea Eye, dopo il no dell’Italia allo sbarco dei mariti delle tre donne, due mamme con i loro bambini e una donna in stato di gravidanza, dall’imbarcazione. Alle donne con i loro bambini, di 1 e 6 anni, era stata concessa ieri l’autorizzazione allo sbarco a Lampedusa. Tuttavia hanno scelto di rimanere con i mariti, nel timore che la famiglia venisse separata per un tempo indefinito e senza alcuna garanzia di un rapido ricongiungimento. Intanto, dopo lo stallo durato tutto il giorno di ieri davanti alle acque territoriali italiane (a 15 miglia da Lampedusa), la nave viaggia come detto verso Malta, paese che ha garantito che i nuclei familiari dei migranti non saranno divisi. A bordo della Alan Kurdi, si ricorda, ci sono 64 persone soccorse mercoledì scorso al largo della Libia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE