Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Le famiglie dei salmi

· Un comune patrimonio di preghiera ·

Pubblichiamo stralci del saggio I salmi e la Bibbia, pubblicato integralmente nel volume Mia delizia la tua Torah (salmo 119,77). Ad Agnese Cini per i suoi ottant’anni, a cura di Marinella Perroni e Giusi Quarenghi (Canterano, Roma, 2017, Aracne editrice, pagine 167, euro 10).

John Martin, «Giosuè ordina al sole  di fermarsi» (1816, particolare )



Il libro dei Salmi contiene centocinquanta preghiere, inni e suppliche rivolte al Signore dell’universo. Questi poemi hanno da sempre affascinato uomini e donne credenti d’ogni generazione, e costituiscono l’ossatura della preghiera liturgica sia ebraica sia cristiana. Agostino riassume con poche parole l’adesione di tutta la tradizione cristiana a questa splendida raccolta di preghiere: Psalterium meum, gaudium meum. Come ogni poesia, non è facile gustarla in pieno se non nella sua lingua originaria, l’ebraico, purtroppo accessibile a pochi, per cui occorre accontentarsi delle traduzioni più o meno riuscite, più o meno fedeli. Inoltre le poesie, e soprattutto i salmi, andrebbero lette e rilette, quasi imparate a memoria, per poterne gustare e ricordare a noi stessi le parole e le frasi più significative nei momenti opportuni: ma l’uomo moderno ha troppa fretta e ai nostri tempi si è anche perduta la tradizione di «mandare a memoria». Tutti i religiosi delle varie fedi che riconoscono la Bibbia come loro libro sacro venerano, conoscono e usano questi canti quotidianamente per le loro preghiere. Il lettore laico di oggi potrà addentrarvisi solo con molta perseveranza se vorrà trarne qualche profitto: non è una lettura facile e di immediato accesso, ma è estremamente ricca e svela i suoi segreti solo a chi li cerca «con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutto il potere» (Deuteronomio 6,5).
L’esegesi moderna dei salmi ha fatto un grande passo in avanti con la scoperta dei generi letterari (Galtungsforshung) e con la ricerca dei loro ambienti d’origine (Sitz im Leben). Il promotore di questa ricerca, Hermann Gunkel, pubblicò le sue teorie nel 1926 e in un’opera uscita in parte postuma. Egli sostiene che, per raggiungere una migliore comprensione dei salmi, è necessario raggrupparli secondo le loro specifiche situazioni vitali, il contenuto di concetti e sentimenti che vi si riscontrano e la loro forma letteraria. Così distinse il Salterio in inni, lamenti, salmi regali, canti di ringraziamento, salmi sapienziali e altri tipi minori. Da allora in poi tutti gli studiosi hanno seguito, modificandola in parte, la sua suddivisione per generi letterari. Anche noi, per comodità e chiarezza, ne seguiremo una che deriva principalmente dalle proposte avanzate dalla Bibbia tob» e da Angelo Lancellotti. Come ogni catalogazione è certamente utile, anche se corre il rischio di costringere la poesia in schemi troppo rigidi; inoltre alcuni salmi sono di genere misto, appartengono cioè contemporaneamente a due o più generi letterari, o sono di discutibile attribuzione. Suddividiamo dunque i salmi in tre grandi famiglie, ciascuna con sottogruppi interni: la prima contiene le lodi, la seconda le crisi vissute e spesso superate, e la terza le meditazioni.
La famiglia delle lodi è molto numerosa; generalmente i salmi che la compongono sono stati scritti per celebrazioni liturgiche e grandi feste religiose, vi predomina l’aspetto comunitario che si evidenzia nei dialoghi, nei ritornelli, nelle acclamazioni e nelle processioni. Lo schema è quasi sempre individuabile in tre tappe: in un invitatorio, il salmista esprime la sua lode o invita la comunità o la natura ad acclamare il Signore; la parte centrale, più corposa, riguarda le diverse situazioni che formano l’oggetto della lode: Dio (inni), il Regno, Gerusalemme (canti di Sion); alla fine si riassumono i motivi della lode, o si ripete il versetto iniziale, o si chiude con una formula classica di benedizione.
L’inno non è solo un modello letterario. È — come ha scritto il cardinale Ravasi — la definizione di un atteggiamento interiore fondamentale, quello della lode pura, è professione di fede nella salvezza che yhwh effonde nella storia e nella creazione, è contemplazione libera e spontanea di Dio: lo si ringrazia per il solo fatto che egli esiste. 

di Agnese Cini Tassinario

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE