Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dove la pace è un cantiere aperto

· L’episcopato austriaco si è riunito in assemblea in Bosnia ed Erzegovina in segno di solidarietà con un paese martoriato ·

«La pace piena e giusta non regna ancora nella Bosnia ed Erzegovina a causa delle tensioni e della mancanza di fiducia che mettono in pericolo la convivenza pacifica»: è quanto affermano i vescovi austriaci e i loro confratelli del paese balcanico nella dichiarazione congiunta firmata ieri dai membri delle due conferenze episcopali alla fine della plenaria dei presuli austriaci, svoltasi dal 5 all’8 marzo a Sarajevo. Per la prima volta, infatti, i lavori dell’episcopato austriaco si sono tenuti nel paese balcanico con l’intento di affrontare insieme le «sfide della Chiesa e della società in entrambe le nazioni», mettendo così anche in evidenza le forti difficoltà vissute dalla comunità cattolica locale.

L’appello dei presuli austriaci ai responsabili politici della Bosnia ed Erzegovina e alla comunità internazionale è dunque di «promuovere il rispetto dei diritti umani e delle libertà di tutti i membri della società, trattando in maniera uguale i tre popoli che vivono in questa terra». I vescovi inoltre esprimono il loro appoggio per l’integrazione europea di Sarajevo. Nel documento si legge che «dopo gli incontri effettuati con le autorità politiche e i capi delle comunità religiose, i vescovi austriaci si impegnano a rimanere vicini al popolo del paese balcanico e a rendersi messaggeri della drammatica situazione che i cattolici stanno vivendo in molte parti della Bosnia ed Erzegovina».

Sempre i presuli austriaci affermano che svolgere la loro plenaria a Sarajevo è stato segno di «unità per la Chiesa bosniaca e quella austriaca, legate da una storia comune e da numerosi contatti negli anni». Secondo i vescovi della Bosnia ed Erzegovina, la presenza dei confratelli austriaci è «espressione di solidarietà nei confronti dei bisognosi che ancora soffrono dalle conseguenze della guerra, nonché un segnale per i giovani che da tanti anni decidono di lasciare il paese, andando nell’Europa occidentale e anche in Austria».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE