Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Le borgate
all’alba di domenica

«Early dawning / Sunday morning» cantava Lou Reed nel 1967, e anche se quella era una canzone sulla paranoia, sembra di ascoltare la trasognata delicatezza di quell’albeggiare guardando il reportage fotografico che Pasquale Liguori ha dedicato a dodici borgate romane. Acilia, Gordiani, Pietralata, Primavalle, Prenestino, Quarticciolo, San Basilio, Tiburtino III, Tor Marancia, Trullo, Tufello e Val Melaina, distretti un tempo distanti e periferici divenuti oggi parte integrante del tessuto urbano della città. Il suo volto meno noto e appariscente. La caratteristica del lavoro di Liguori — esposto nella mostra Borgate, aperta dal 15 settembre al 31 ottobre 

Val Melainaalla Casa della memoria di Roma — è che i panorami urbani presentati sono stati ritratti alle prime luci della domenica mattina, un momento unico della settimana, velocemente colto dai nottambuli più estremi o apprezzato dai mattinieri che, per piacere o per lavoro, hanno modo di vivere questi istanti unici della vita cittadina. Istanti che raccontano il silenzio del riposo collettivo nel dì di festa, dopo la rumorosa routine dei giorni precedenti, quando è fortissimo il contrasto tra i palazzi pieni di abitanti e le strade, le piazze e i cortili praticamente deserti. È l’ora magica in cui la notte dei lampioni non si è ancor spenta ma la luce del giorno già comincia a luccicare. «Nel muovere i primi passi di questo viaggio — ha spiegato Liguori — mi sono ispirato a un espediente linguistico condotto sul sostantivo borgate. Immaginandolo composto col suffisso anglosassone -gate, l’ho allontanato dall’accezione comunemente scandalistica (come in Watergate o Sexygate), per avvicinarlo al significato tradotto in porta, varco, meglio ancora in uscita fotografica nella parte più viva della città». Una parte viva spesso ignorata e trascurata, e che invece — grazie a questa galleria di immagini — riacquista senso e dignità. Invitando a sperare che il risveglio possa veramente essere foriero di equilibri nuovi e rispettosi per tutti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE