Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Le associazioni femminili cristiane

La mancanza di solidarietà femminile è uno dei tanti stereotipi che riguardano le donne: esse sarebbero talmente occupate a rincorrere l’attenzione dei maschi da non prestare attenzione alle proprie simili, viste piuttosto come minacciose concorrenti. 

Valerie Narozniack (2015)

Invece, ancora una volta, la storia racconta il contrario. Lo dimostrano tante vicende delle nostre società, così come tanti avvenimenti del millenario percorso cristiano. A pensarci, le donne ai piedi della croce — le sole rimaste fedeli a Gesù nell’ora del dolore più atroce, quando tutti i discepoli (comprensibilmente spaventati) fuggono — costituiscono il primo meraviglioso esempio di associazionismo femminile cristiano. È proprio questo che ci racconta «donne chiesa mondo» di febbraio, richiamando la nostra attenzione sulla varietà di realtà femminili presenti nella Chiesa, che vivono e lavorano per la Chiesa stessa e per le società. Donne che camminano e collaborano insieme. Dalla storia della Uisg (l’Unione internazionale delle superiore generali, nata alla chiusura del concilio Vaticano II che da poco festeggiato il suo primo cinquantennio) a quella delle donne messicane dell’associazione Las Patronas che si prodigano per i migranti, pericolosamente aggrappati ai treni in corsa, che attraversano la frontiera con gli Stati Uniti; dalla associazione tedesca Hildegardis-Verein che, tra le mille attività, lavora per far crescere il numero di donne in posizioni dirigenziali nella Chiesa cattolica alla fraternità italiana femminile Tenda del Magnificat, nata nel 1957 con la benedizione di Giovanni Battista Montini per seguire Gesù e vivere il vangelo. Testimonianze preziose, tasselli indispensabili per una rete umana di crescita e solidarietà al servizio di tutti. Testimonianze indispensabili anche per la Chiesa ma purtroppo poco ascoltate e poco valorizzate, anche se — come ricorda l’arcivescovo Paul-André Durocher nel suo prezioso intervento — «il ministero episcopale non può che arricchirsi ascoltando la voce carismatica femminile nella Chiesa». (giulia galeotti)

Inserto "donne chiesa mondo" di febbraio

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

09 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE