Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Lavrov e Kerry a confronto
sulla lotta all’Is

· Distrutto dal gruppo jihadista il più antico monastero cristiano in Iraq ·

Le immagini satellitari che documentano la distruzione del monastero (Ap)

La lotta contro l’Is, in particolare sui fronti siriani, dove sono impegnate forze russe, e più in generale le prospettive di rilanciare l’azione diplomatica per dare soluzione alla crisi, saranno i temi principali dell’incontro di oggi a Zurigo, il primo dopo oltre un mese, tra il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, e il segretario di Stato americano, John Kerry. Secondo quanto confermato da fonti diplomatiche, saranno in particolare discusse le prospettive di successo dei nuovi negoziati tra le parti siriane e diversi soggetti internazionali previsti per la prossima settimana a Ginevra. L’incontro tra Lavrov e Kerry arriva all’indomani della diffusione di un rapporto dell’Onu, realizzato dall’alto commissariato per i Diritti umani e dalla missione in Iraq, secondo il quale in tale Paese dall’inizio del 2014 a ottobre del 2015 l’Is ha ucciso quasi diciannovemila persone e ne ha costrette oltre tre milioni, per un terzo bambini in età scolare, a lasciare le loro case. Il rapporto contiene accuse anche nei riguardi delle truppe irachene e delle milizie curde.

Tra gli aspetti della ferocia dell’Is si conferma la furia iconoclasta. Se ne è avuta oggi una conferma dalla notizia che il più antico monastero cristiano in Iraq, quello di Sant’Elia a Mosul, costruito 1400 anni fa, è stato raso al suolo dalle milizie jihadiste che occupano la città.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE