Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​L’autorità nasce
dal buon esempio

· ​Il Papa invita i cristiani a non ricercare vanità e onori ·

L’autorità «nasce dal buon esempio» e non esige dagli altri ciò che essa per prima non mette in pratica. Lo ha sottolineato Papa Francesco all’Angelus di domenica 5 novembre, in piazza San Pietro. Commentando il brano liturgico tratto dal vangelo di Matteo (23, 1-12), il Pontefice ha fatto presente che Gesù «rivolge critiche severe agli scribi e ai farisei» e al tempo stesso «lascia importanti consegne ai cristiani di tutti i tempi».

Julian Schanbel, «Insane Authority»

Francesco ha osservato, in particolare, che «un difetto frequente in quanti hanno un’autorità, sia autorità civile sia ecclesiastica, è quello di esigere dagli altri cose, anche giuste, che però loro non mettono in pratica in prima persona». Questo atteggiamento «è un cattivo esercizio dell’autorità», che invece «dovrebbe avere la sua prima forza proprio nel buon esempio». Essa infatti «è un aiuto», ma «se viene esercitata male diventa oppressiva, non lascia crescere le persone e crea un clima di sfiducia e di ostilità, e porta anche alla corruzione».

Il Papa ha anche lanciato un monito contro chi vive «solo per apparenza» e ha ricordato che i cristiani non devono «cercare titoli di onore, di autorità o di supremazia» correndo dietro alla «vanità delle onorificenze», ma devono vivere con «un atteggiamento semplice e fraterno» ispirato sempre alla modestia.

L’Angelus del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE