Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Laudato si’ per frate lupo

· ·

Tra i diversi esiti che si raggiungono scrivendo o leggendo un libro, uno dei più stimolanti è la provocazione lanciata o subita più o meno attivamente, più o meno consapevolmente. La storia umana, in ogni campo dello scibile, è densa di casi di letture che hanno determinato reazioni anche clamorose. È da dire che non sempre «galeotto fu il libro e chi lo scrisse», poiché si registrano casi variamente disomogenei: dai libri letti dai giurati di un premio letterario ai testi scolastici degli studenti, dai libri dei correttori di bozze a quelli dei fotocompositori tipografici, o anche dal vangelo declamato in una liturgia solenne al libro delle ore di un monastero di clausura, e, se vogliamo, dal rotolo letto da Gesù nella sinagoga di Nazaret (Luca, 4, 17) al libro divorato di Ezechiele (3, 1) e dell’Apocalisse (10, 9-10), dal vangelo ascoltato da Antonio abate al tolle et lege di Agostino o alle agiografie di Ignazio di Loyola. 

Leonardo da Vinci, «La Vergine delle rocce» (1483–85)

L’enciclica di Papa Francesco Laudato si’ ha provocato una vasta reazione di pensiero e di confronto, di consenso e di impulso per le aspirazioni di custodia del creato e di cura della casa comune, oggi diffuse e vissute in modo talvolta preoccupato e drammatico. Di questi aneliti che vibrano nell’animo dell’uomo moderno pioniere e alfiere è considerato Francesco d’Assisi, che l’enciclica al numero 10 accredita autorevolmente come «l’esempio per eccellenza della cura per ciò che è debole e di una ecologia integrale, vissuta con autenticità e gioia. [...] Era un mistico e un pellegrino che viveva con semplicità e in una meravigliosa armonia con Dio, con gli altri, con la natura e con se stesso».
I suoi Fioretti lo raccontano proprio in questo modo, nei vari momenti e nelle relazioni con le varie specie della natura, come in un nuovo paradiso terrestre: cosmo, persone, animali, piante, terra e acque.
Come i Fioretti, l’enciclica Laudato si’ non evita il discorso sugli animali e la loro vita con le proprie qualità, cadenze ed esigenze, che chiedono all’uomo custodia, rispetto e capacità di godimento non possessivo, come Francesco che si abbandona al canto e all’incantamento di fronte alle creature. Il Papa difende le specie animali come partecipi dell’ecosistema, al quale è vincolata obbligatoriamente una ecologia integrale.
Non è questo il caso di uno speciale “bestiario del Papa”, che ha tutt’altro senso, come ha dimostrato recentemente un pregevolissimo volume di Agostino Paravicini Bagliani (Il Bestiario del Papa, Torino, Einaudi, 2016 pagine 400, euro 32) di cui L’Osservatore Romano si è occupato nel numero del 18 gennaio 2017. A margine, vi leggiamo che Pio ii aveva tra le sue bestie un lupo, per il quale si dovette acquistare una catena il 13 agosto 1460. San Francesco era morto 234 anni prima, ma avrà sorriso. Del resto in quel tempo il papa non abitava a Gubbio! Il libro, comunque, di Paravicini Bagliani rappresenta anch’esso una provocazione a leggere la storia come il sito di quella speciale ecologia umanistica, che rende ragione, in lunga durata, delle mutazioni delle generazioni, anch’esse bisognose di reciproca pacificazione.
Il “bestiario del papa”, oltre l’insegnamento dell’enciclica, oggi potrebbe stimolare un riferimento alla editoria, che nella casa del papa si occupa degli animali. La Libreria Editrice Vaticana, infatti, pubblicò nell’anno 2000 un Bestiario Biblico, opera di Paolo Cultrera, a cura di Crispino Valenziano, stampata per la prima volta a Palermo nel 1880. Più recentemente, nel 2016, presso la stessa Editrice è apparso il volume di Elisa Palagi Beato Zoo! Storie di animali e di santi, la cui narrazione va da san Francesco di Paola con l’amica trota Antonella a san Giovanni Bosco e il suo miracoloso cane Grigio.
Non è avulsa da questo discorso la notizia di questi giorni, 2 marzo 2017, relativa all’immagine di un cane criptata da Leonardo da Vinci tra gli scogli del suo capolavoro La Vergine delle rocce. Noi ne prendiamo occasione per ricordare Maria, pittoricamente inserita in una scena cosmica, come genitrice di una nuova opera di ecologia salvifica su disegno del Figlio.

di Fortunato Frezza

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE