Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’audacia della pace

· Nel messaggio rivolto alla città e al mondo Papa Francesco ricorda i drammi dell’umanità e chiede di pregare affinché cessi ogni guerra ·

C’è sempre la Siria, anzi «l’amata Siria», tra le preoccupazioni di Papa Francesco. E così anche nel consueto messaggio alla città e al mondo, il 20 aprile, domenica di Pasqua, la supplica particolare al Signore è stata proprio per il martoriato popolo siriano.

Il Papa ha chiesto alle parti in conflitto di consentire che alla gente affamata giungano gli aiuti umanitari; di porre fine alle stragi che feriscono il corpo dell’umanità intera; di scoprire finalmente «l’audacia di negoziare la pace».

Ma non ha certo dimenticato, il Pontefice, gli altri drammi che sconvolgono l’umanità di questo secolo, compreso quello che vivono le popolazioni africane alle prese con la devastante epidemia di ebola. Hapregato per le vittime della violenza in Iraq, nella Repubblica Centroafricana, in Nigeria, nel Sud Sudan. Ha supplicato i venezuelani a volgere gli animi alla riconciliazione fraterna. E ancora, ricordando la coincidenza della celebrazione della Pasqua con le Chiese che seguono il calendario giuliano, ha invitato tutti a unirsi in preghiera per il popolo dell’Ucraina. E non ha dimenticato gli ultimi, gli affamati, gli indifesi, i bambini, gli anziani, le donne a volte oggetto di abbandono o di sfruttamento, gli emigranti.

Durante la messa per la veglia pasquale, sabato 19 aprile, nella basilica vaticana, dopo aver conferito i sacramenti dell’iniziazione cristiana a dieci catecumeni, il Pontefice ha richiamato i fedeli a un nuovo inizio, invitandoli a ripartire dalla Galilea. Ma quanti, si è chiesto, conoscono o sanno dove si trova la loro Galilea?

Il testo del messaggio pasquale del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE