Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per l’attuazione
del Documento
sulla fratellanza umana

· Istituito ad Abu Dhabi un Comitato superiore ·

È stato istituito ad Abu Dhabi un Comitato superiore per l’attuazione del Documento sulla Fratellanza Umana, firmato lo scorso febbraio negli Emirati Arabi Uniti da Papa Francesco e dal Grande imam di Al-Azhar, Ahmed Al-Tayeb.

Del Comitato fanno parte il vescovo Miguel Ángel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio consiglio per il Dialogo interreligioso; il professor Mohamed Hussein Mahrasawi, rettore dell’Università di Al-Azhar; monsignor Yoannis Lahzi Gaid, segretario personale di Papa Francesco; il giudice Mohamed Mahmoud Abdel Salam, consigliere del Grande imam; Mohamed Khalifa Al Mubarak, presidente del Dipartimento della Cultura e del Turismo, Abu Dhabi; Sultan Faisal Al Rumaithi, segretario generale del Consiglio musulmano degli Anziani; e Yasser Hareb Al Muhairi, scrittore e personaggio dei media degli Emirati Arabi Uniti.

Sua altezza Sheikh Mohamed bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante supremo delle Forze armate degli Emirati Arabi Uniti, ha affermato che l’istituzione del Comitato aiuterà ad attuare la visione condivisa di sviluppare iniziative e idee volte a promuovere la tolleranza, la cooperazione e la convivenza. Gli Emirati Arabi Uniti sostengono tutti gli sforzi tesi a promuovere la pace e diffondere i principi della fratellanza e della pacifica convivenza in tutto il mondo, ha dichiarato il principe ereditario.

Il Comitato ha il compito di sviluppare un quadro per assicurare la realizzazione degli obiettivi del Documento sulla Fratellanza Umana. Preparerà inoltre i progetti necessari per implementare il documento, ne seguirà l’attuazione a livello regionale e internazionale e s’incontrerà con leader religiosi, capi di organizzazioni internazionali e altri per sostenere e difendere l’idea che è alla base di questo storico documento.

Il Comitato superiore solleciterà anche le autorità legislative ad aderire ai provvedimenti del documento nella legislazione nazionale, al fine di istillare i valori del rispetto reciproco e della coesistenza. Supervisionerà inoltre la Abrahamic Family House [il museo memoriale della storica visita del Papa e del Grande imam di Al Azhar ad Abu Dhabi, ndr]. Il Comitato, di comune accordo, potrà coinvolgere nuovi membri.

Noto anche come la Dichiarazione di Abu Dhabi, il Documento sulla Fratellanza Umana è una dichiarazione comune d’impegno a unire l’umanità e a lavorare per la pace nel mondo al fine di assicurare che le generazioni future possano vivere in un clima di rispetto reciproco e sana convivenza.

La firma del Documento sulla Fratellanza Umana ha dimostrato l’impegno degli Emirati Arabi Uniti nella promozione del dialogo interconfessionale e dei valori condivisi, tra i quali la tolleranza e la pacifica convivenza tra persone di tutte le religioni e confessioni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE