Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L'attualità dell'annuncio

· L'intervento dell'arcivescovo Fisichella alla prima conferenza nazionale sulla nuova evangelizzazione in Australia ·

Pubblichiamo stralci dell'intervento del presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione alla prima conferenza nazionale, «Proclaim 2012», sulla nuova evangelizzazione  a Chatswood, in Australia. Nel precedente intervento intitolato: «Cos'è la nuova evangelizzazione», il presule ha sottolineato che «costringere al silenzio il desiderio di Dio non può far approdare all'autonomia. L'uomo è in crisi, ma non è emarginando il cristianesimo che si potrà avere una società migliore. La grande sfida che attende il futuro è tutta qui: chi vuole la libertà di vivere come se Dio non esistesse può farlo, ma deve sapere a  cosa va incontro. Non è escludendo Dio dalla propria vita, però, che il mondo sarà migliore: i cattolici non accetteranno di essere emarginati e continueranno a portare al mondo la buona notizia di Gesù».

Nella primissima riga della sua motu Proprio, Ubicumque et Semper, che ha varato ufficialmente il pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, Papa Benedetto XVI porta l'attenzione di tutti alla persona di Gesù Cristo. «La Chiesa ha il dovere di annunciare sempre e dovunque il Vangelo di Gesù Cristo. Egli, il primo e supremo evangelizzatore, nel giorno della sua ascensione al Padre comandò agli Apostoli: "Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato"» (Matteo 28, 19-20). Questo incipit sottolinea sia la necessità di porre Gesù Cristo al centro della nuova evangelizzazione e l'importanza di riconoscere che la fede ricevuta dagli Apostoli e quella che deve essere predicata è appunto la persona di Gesù Cristo. Il sacro autore della lettera agli ebrei usa una concisa e definitiva espressione, al fine di non lasciare spazio a dubbi che Gesù Cristo sia l'intera, immutabile e definitiva rivelazione di Dio: «Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre» (Ebr 13:8).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE