Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L'amicizia tra follia e pentimento

· ​Nel film "La pazza gioia" di Paolo Virzì ·

Affette da problemi psichiatrici, Beatrice e Donatella (Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti) risiedono presso una comunità terapeutica anche perché ritenute socialmente pericolose. La prima, effervescente e arrogante, ha avuto atteggiamenti persecutori nei confronti di un suo ex, la seconda, chiusa e fragile, non ha saputo comportarsi da madre responsabile. Quando casualmente riusciranno a varcare, non viste, i confini della villa che le ospita, sarà per loro l’inizio di un’insperata avventura. Ma anche di una bella amicizia e soprattutto di un viaggio a ritroso verso le cause della loro attuale condizione. 

Una scena tratta dal film

Dopo il racconto corale de Il capitale umano (2013) e l’acuta analisi sociale di tanti altri suoi film, Paolo Virzì restringe lo sguardo. La pazza gioia, presentato in questi giorni al festival di Cannes, non aspira a essere un’opera sulla pazzia, ma soltanto sull’amicizia fra due donne che attraversano questo tipo di patologia. Affrontare il tema da un punto di vista antropologico non sarebbe stato nelle corde del regista, magari ci si poteva aspettare da lui una maggiore attenzione appunto all’aspetto sociale del problema. Sta di fatto che questa dimensione più intimista, d’altronde già sperimentata in La prima cosa bella (2010), non lo coglie affatto impreparato, e anzi gli permette di enfatizzare quella che è la sua dote migliore e più peculiare, ovvero conciliare il sorriso con l’amarezza. Qualità che ancora più della capacità di analisi della società lo rende l’ideale — forse anche l’unico — erede dei maestri della commedia all’italiana. Di cui per certi versi propone un’evoluzione.
A differenza di tanti suoi modelli, prima di tutto, Virzì non è quasi mai indulgente o consolatorio. E qui infatti non fa un elogio della pazzia. Mostra al contrario la patologia mentale come qualcosa da dover sconfiggere o quanto meno attenuare il più possibile, se non altro perché si porta dietro la solitudine e un sintomo per molti versi ancora peggiore, l’egoismo. Non a caso, quella fra le protagoniste non è affatto un’amicizia facile, e non solo per i loro caratteri opposti. Non è un dono, ma una lenta e graduale conquista. Che però ha già il sapore della guarigione.
Il film si sviluppa dunque come un road movie a metà fra Thelma e Louise e Il sorpasso. Un po’ come nel film di Scott la coppia è in qualche modo anche in lotta con un mondo maschile vile e meschino; come nel film di Risi, invece, sono gli incontri familiari a gettare uno sguardo nuovo sulle protagoniste. E qui la sceneggiatura, scritta dallo stesso regista insieme a Francesca Archibugi, poteva forse dare di più. Non sono incontri memorabili quelli che Donatella fa con l’ex compagno, discotecaro buzzurro, e con il padre musicista di piano bar vestito a festa, né quello di Beatrice con l’ex marito, ricco superficiale. Si tratta di bozzetti a loro volta discendenti dalla tradizione della commedia all’italiana, ma che nel cinema di oggi, e in particolare in quello così composito di Virzì, risultano abbastanza insoddisfacenti. 

di Emilio Ranzato

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2018

NOTIZIE CORRELATE