Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ha voluto salutarli
uno per uno

· La visita del Papa ai terremotati dell’Italia centrale ·

«Portare la consolazione del Signore Gesù, con la carezza e l’abbraccio di tutta la Chiesa a quanti sono stati colpiti dal terremoto»: con questa intenzione, resa nota attraverso un tweet sull’account @Pontifex, il Papa ha dedicato la giornata di martedì 4 ottobre alle popolazioni dell’Italia centrale vittime del sisma dello scorso 24 agosto. Cinquecento chilometri percorsi in automobile e sei ore trascorse in mezzo alle sofferenze di bambini, donne e uomini duramente provati, ai quali Francesco ha voluto far sentire la sua paterna vicinanza, recandosi al mattino ad Amatrice, Borbona, Cittareale e Accumoli nel reatino, Pescara e Arquata del Tronto nelle Marche, e nel pomeriggio a San Pellegrino di Norcia, in Umbria. «Li ha voluti salutare uno per uno», ci ha raccontato il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Greg Burke, tra i pochissimi che dal Vaticano hanno accompagnato il Papa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE