Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’abbraccio di Francesco

· Venerdì della misericordia con venti donne liberate dal racket della prostituzione ·

Prima l’abbraccio, poi la richiesta di perdono: a nome di tutti quegli uomini, anche cristiani, cattolici, che hanno commesso abusi e violenze su donne vittime del racket della prostituzione. Così Papa Francesco nel pomeriggio del 12 ha vissuto il suo venerdì della misericordia nel mese di agosto di questo anno santo straordinario.

Tra lo stupore dei condomini, ha bussato alla porta di un appartamento nel quartiere romano a Pietralata, dove vivono venti giovani letteralmente strappate dalla strada dai volontari della comunità Papa Giovanni XXIII, fondata nel 1968 da don Oreste Benzi. Visibilmente commosso, il Pontefice ha definito «testimoni della risurrezione» queste ragazze che sono riuscite a liberarsi dalla schiavitù per ricostruire una vita di affetti, di famiglia e di lavoro. Francesco le ascoltate a una per una, per oltre un’ora: è stato un momento di gioia, in cui non sono mancate canzoni e una merenda, e soprattutto un’opportunità di riscatto per provare a ricostruire una vita dignitosa. Il Papa è rimasto impressionato dalle loro storie: tutte hanno subìto gravi violenze fisiche, sevizie, inganni e minacce, con cui i loro aguzzini hanno cercato di cancellarne l’identità e la dignità di persone. Per timore di ritorsioni ora vivono protette. Sei provengono dalla Romania, quattro dall’Albania, sette dalla Nigeria e le altre tre da Tunisia, Italia e Ucraina. L’età media è intorno a trent’anni. E due hanno accanto i loro bambini. «In un momento di vacanza, quando più forte si fa il senso del divertimento, spesso non curante delle regole, il segno di Francesco è stato quello di voler restituire piena dignità a queste ragazze che hanno subito forti violenze, soprusi e intimidazioni dal racket della prostituzione» si legge in una nota del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, il cui presidente, l’arcivescovo Fisichella, ha accompagnato il Papa nella visita.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE